Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 24 gennaio 2018
Articolo di: giovedì, 25 agosto 2011, 3:34 p.

«A Roma a riconsegnare le chiavi»

Sindaci dei piccoli Comuni del Vco in guerra contro la manovra

OMEGNA - I sindaci del Vco dichiarano guerra agli articoli 15 e 16 della manovra di governo ferragostana. La decisione, presa singolarmente da tutti i primi cittadini dei comuni montani all’indomani della notizia, ha scaturito una conferma decretata durante l’incontro avvenuto martedì 23 agosto al Forum. All’apice dei festeggiamenti patronali di San Vito, nel periodo delle ferie per antonomasia, l’auditorium del Forum non aveva tuttavia molte sedie vuote. La legge «boiata», come l’ha definita Paolo Marchesa Grandi -che oltre a presiedere la Comunità montana “Due laghi- Cusio Mottarone - Valstrona” è anche sindaco del comune di Loreglia - non piace a nessuno. Così come non piace l’intenzione di eliminare la Provincia del Vco, anche se di questo argomento s’è solo fatto accenno. Questa legge, «malfatta» secondo Marco Zacchera - parlamentare e primo cittadino di Verbania - troverà solo ostilità da questa parte di Piemonte «spesso considerato una periferia», come sostengono molti amministratori. «Spero vinca il buon senso - ha detto Zacchera - Gli articoli 15 e 16 hanno ben poco a vedere con il risparmio. Eliminare Comuni e Province è una sciocchezza: è come eliminare un’impalcatura per realizzare un’abitazione, concentrandosi sull’arredo interno prima di aver realizzato le fondamenta. Una legge che non voterò mai», ha promesso. È intervenuto anche il primo cittadino di Colazza, che si definisce «casalinga prima che amministratore. I politici di mestiere dovrebbero documentarsi per non fare la figura dei pagliacci. Lo dico con convinzione. A Colazza faremo un Consiglio comunale aperto: se servirà non solo non indosseremo più la fascia ma consegneremo tutte le tessere elettorali». Gli amministratori sono pronti «a scendere a Roma», a consegnare le chiavi dei Comuni e le fasce tricolori. Un ordine del giorno “Contro l’accorpamento dei comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti prevista dalla manovra finanziaria del 13 agosto 2011” (così recita il titolo del documento) è la conclusione provvisoria a cui sono giunti all’indomani dell’incontro. Se ne parlerà nei Consigli comunali.

Luisa Paonessa

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: giovedì, 25 agosto 2011, 3:34 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top