Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 24 novembre 2017
Articolo di: giovedì, 24 gennaio 2013, 8:20 p.

“La Cupola di Antonelli? Piena di simboli massonici”

Un lato inedito dell’opera novarese svelato in una serata a Ghemme

GHEMME – C’è un lato nascosto della Cupola di San Gaudenzio. Al suo interno ci sarebbero infatti simboli e tracce che si riallacciano alla massoneria. A sostenerlo è Gianni Brugo, presidente dell’associazione “La Nosta Gent” di Romangno Sesia e studioso di questi temi. Una teoria misteriosa e affascinante che ha esposto di recente a Ghemme, in un incontro organizzato dall’Assessorato alla Cultura della cittadina.

Qualche indizio sul presunto legame tra massoneria e l’opera dell’Antonelli? Il numero 24 ricorre moltissimo negli elementi della Cupola, ed è uno dei numeri più usati dai massoni(è il doppio dei segni zodiacali presenti nel tempio), ma ricorda anche la data di fondazione della massoneria moderna (il 24 giugno del 1717). Guardando dal basso verso l’alto, si percepisce chiaramente la circonferenza della Cupola e il punto centrale della guglia: il cerchio con un punto in mezzo è in effetti uno dei simboli più antichi della tradizione massonica, anche se tra i meno conosciuti. E addirittura lo stesso monumento sarebbe una metafora, secondo Brugo: “La cupola a mio avviso rappresenta la massoneria e non contrasta con il cattolicesimo, rappresentato dalla basilica cinquecentesca, semplicemente lo sovrasta senza toccarlo. Partendo da quattro pilastri cattolici, appoggiati a terra, gli ideali massonici si elevano verso il cielo. Il percorso che porta verso la parte superiore della Cupola, per i profani, la nobiltà novarese dell’ottocento, è presentata come  una passeggiata originale e fantastica. Per il massone è il cammino iniziatico verso il miglioramento di se stesso, verso l’alto” ha spiegato, arrivando ad ipotizzare che la sala del Compasso realizzata nel sottotetto potesse essere un vero e proprio tempio massonico.

Lucia Panagini


Articolo di: giovedì, 24 gennaio 2013, 8:20 p.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top