Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 29 aprile 2017
Articolo di: martedì, 05 febbraio 2013, 8:24 p.

“Le sedi Arpa a rischio non chiudono a marzo”

L’intervista del direttore Ravera. Tra i laboratori a rischio c’è anche quello di Omegna.

OMEGNA – Un’intervista video pubblicata sul suo sito istituzionale. Così Arpa Piemonte vuole fare chiarezza sul “piano di riposizionamento” (in parole povere, il taglio di alcune sedi) che tanto sta facendo discutere in queste settimane. Tra le sedi a rischio c’è anche Omegna, oltre che Vercelli ed Ivrea. Nell’intervista pubblicata sul portale dell’Arpa, anzitutto il Direttore Regionale, Silvano Ravera, fa chiarezza sul perché della decisione: “Il motivo è la progressiva riduzione dei finanziamenti passati da 79 milioni nel 2008 a 62 milioni nel 2012. Fino ad oggi abbiamo già tagliato i costi correnti del 15%”. E poi spiega che la decisione di chiudere alcuni laboratori non è stata ancora presa ufficialmente e quindi non potrà avvenire già a marzo, come ipotizzato da qualcuno. L’Agenzia infatti ha preparato un’analisi tecnica, ma l’ultima parola spetta al Comitato Regionale d’Indirizzo, composto dal Presidente della Regione e da tutti i Presidenti delle Province. “Prima della loro pronuncia, Arpa non metterà in atto alcuna chiusura” specifica Ravera. Infine il Direttore Arpa rassicura sulla qualità del servizio: “I laboratori possono dare risultati analoghi, se non migliori, concentrando l’attività in un minor numero di sedi anziché in tanti laboratori non diversificati. Questo non vuol dire che alcune zone saranno abbandonate: in ogni area continueranno i sopralluoghi e i controlli e solo le analisi saranno svolte altrove. In un certo senso il personale delle sedi coinvolte potrà, anzi, essere ancora più presente sul territorio, perché non dovrà più rimanere a presidiare i laboratori”.
Non si ferma però la mobilitazione nel Vco contro la chiusura del laboratorio di Crusinallo (Omegna). Prima il voto di una mozione da parte di diversi Consigli Comunali del Vco, poi la protesta di alcuni lavoratori che nei giorni scorsi si sono recati nei mercati di Verbania, Domodossola, Omegna e Villadossola per fare volantinaggio. 

Lucia Panagini

Articolo di: martedì, 05 febbraio 2013, 8:24 p.
youkata
^ Top