Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 11 dicembre 2017
Articolo di: domenica, 24 aprile 2011, 12:00 m.

“Porta del Rosa”: quasi pronta la vetrina su colline e montagne novaresi

Tre aree per la promozione della filiera corta a 360° e del territorio

PRATO SESIA - Artigianato, enogastronomia ed energie rinnovabili. Slitta a fine mese l’apertura, inizialmente prevista per il 31 di marzo, dell’innovativo progetto che coinvolge Province, Comuni, associazioni di categoria, enti, commercianti e realtà produttive provenienti da un vasto territorio legato alle Colline novaresi e alla montagna, denominato “Porta del Rosa”. «Se tutto andrà bene – commenta il sindaco di Prato Sesia, Luca Manuelli – il centro sarà inaugurato a fine mese, al più tardi entro la prima settimana di maggio. Purtroppo, negli ultimi mesi si sono accumulati una serie di ritardi nei lavori di completamento della struttura che ci hanno costretti a rimandare l’apertura ufficiale dell’area». L’obiettivo dell’iniziativa, a cui fa capo il dottor Cesare Gritti, dirigente e ideatore dell’azienda quaronese “Il Picchio”, è quello di garantire l’offerta integrata del territorio piemontese delle Valli del Rosa e valorizzare i prodotti e i servizi che caratterizzano la zona in questione, proposti in modo integrato e gestiti con la formula della filiera corta. «Il centro, posto all’ingresso del Comune di Prato Sesia – continua Manuelli – vuole rappresentare un vero e proprio corner del territorio, dove si concentra la proposta di qualità dei comparti produttivi locali:  agroalimentare,  artigianale,  industriale e  dei servizi turistici». La struttura più ampia del centro è rappresentata dall’area del “Gusto e dell’Accoglienza”, con uno scambio diretto fra produttore e consumatore, puntando alla qualificazione dell’offerta degli operatori locali, creando forti sinergie con la proposta turistica e la valorizzazione ecocompatibile del bacino. Una seconda porzione del complesso sarà dedicata a quei progetti e a quelle soluzioni ideati per promuovere, favorire e avviare, progetti di energia  rinnovabile  e di  risparmio energetico. La terza struttura, infine, sarà rivolta a promuovere e vendere prodotti dell’artigianato  e dell’industria locale. «Gli interventi – conclude Manuelli – stanno comunque proseguendo ancora in questi giorni, e prossimamente potremo definire una data ufficiale di inaugurazione del centro, che rappresenta un sicuro stimolo per l’economia locale e la promozione dei prodotti tipici che da sempre costituiscono il migliore biglietto da visita e la migliore pubblicità per il nostro territorio».

Valentina Matteo

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: sabato, 23 aprile 2011, 10:19 m.
^ Top