Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 16 marzo 2012, 7:25 p.

54enne investito e ucciso da un treno a Olengo

L'episodio intorno alle 12,10

NOVARA - L'allarme è scattato tra le 12 e le 12,30 di oggi, venerdì 16 marzo.

Un uomo di 54 anni, V.C., siciliano, ma residente a Fontaneto d'Agogna, nel Novarese, è stato investito e ucciso da un convoglio che, in quei momenti, transitava lungo la linea ferroviaria Alessandria-Novara-Mortara. L'episodio intorno alle 12,10 all'altezza del passaggio a livello di Olengo, a un centinaio di metri dalla chiesa parrocchiale.

Sul posto, gli agenti della Polizia ferroviaria, la Polizia scientifica, che si è occupata dei rilievi del caso, e i Carabinieri. A giungere sul luogo della tragedia anche il medico legale. Per l'uomo inutili i soccorsi: l'impatto con il convoglio è stato fortissimo e ha perso la vita sul colpo.

Dai primi elementi raccolti, sembrerebbe che l'uomo fosse presente sui binari, a passaggio a livello chiuso, proprio mentre giungeva il convoglio. Il macchinista, non appena si è accorto della presenza della persona, ha azionato i freni del treno, ma purtroppo non ha potuto evitare l'impatto.

Un episodio che ha determinato lunghi ritardi sulla linea ferroviaria. I soccorsi e i rilievi, nella zona di Olengo, si sono infatti dovuti necessariamente protrarre per lunghe ore.

Articolato il recupero del corpo dell'uomo e alquanto articolata, inizialmente, anche la sua identificazione, dal momento che sarebbe stato ritrovato privo di documenti addosso.

Non distante dal luogo della tragedia, però, a circa cento metri, c'era la sua auto parcheggiata. All'interno i suoi oggetti e tutti i documenti, elementi che hanno permesso di riconoscerlo. Potrebbe trattarsi di un gesto disperato, ma la Polizia, che mantiene il massimo riserbo, non esclude alcuna ipotesi, a partire da quella di un incidente. Sono in corso tutte le dovute indagini.

Monica Curino

Articolo di: venerdì, 16 marzo 2012, 7:25 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top