Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 07 ottobre 2011, 9:04 p.

60° Avis Borgomanero, premiati 300 donatori di sangue

La sezione locale è presieduta da Maria Paola Chiantia

BORGOMANERO - Si sono concluse sabato, con la cerimonia di consegna delle benemerenze ai donatori di sangue di lungo corso, le celebrazioni per il 60° della locale sezione Avis istituita nel 1951 su iniziativa di Angelo Ingaramo e attualmente presieduta da Maria Paola Chiantia. In un’affollata sala conferenze dell’Oratorio Parrocchiale di via Dante sono stati quasi trecento i donatori premiati. Hanno ricevuto il massimo riconoscimento (distintivo d’oro con rubino) per trent’anni di appartenenza all’Avis o con più di 75 donazioni, Mauro Antonio Bardon, Dario Borra, Maurizio Bressan, Elio D’Agostini, Mario Fornara, Andrea Mercalli, Damiano Mones, Alfredo Valentino Perazza, Pier Andrea Regalli, Pierpaolo Venino. Tra gli intervenuti il sindaco Anna Tinivella, gli assessori Giuseppe Cerutti, Pierfranco Mirizio e Sergio Bossi, il direttore sanitario dell’Asl Arabella Fontana, il presidente provinciale dell’Avis Marco Brovelli e il dottor Antonio Belardi, responsabile del Simt, il Servizio immuno trasfusionale dell’Ospedale Ss.Trinità. Al termine  si è formato un corteo che ha raggiunto il centro per l’omaggio floreale alla statua dell’Immacolata e la deposizione di una corona di fiori al monumento al donatore all’interno del Parco della Resistenza. Alle 18 nella Collegiata di S. Bartolomeo è stata officiata una messa in suffragio dei donatori scomparsi cui ha fatto seguito la cena presso il ristorante “Tre Stelle” di Briga.

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

 

Articolo di: venerdì, 07 ottobre 2011, 9:04 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top