Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: mercoledì, 08 febbraio 2012, 1:04 m.

A Borgomanero “Il Ventaglio” di Goldoni

12 giovani attori in scena al Nuovo

BORGOMANERO – Al Teatro Nuovo lunedì 13 febbraio alle ore 21 andrà in scena “Il ventaglio” di Carlo Goldoni con Mino Manni nei panni del conte di Roccamonte e con (in ordine alfabetico) Raffaele Berardi, Ivana Cravero, Desirée Giorgetti, Alessandro Lussian, Federico Manfredi, Barbara Mazzi, Francesco Meola, Davide Palla, Valeria Perdonò, Michele Schiano di Cola, Angelo Tronca. La regia è di Alberto Oliva, assistito da Alessandro Lussiana. Le musiche originali sono di Bruno Coli, scene e costumi di Francesca Pedrotti (assistita da Erin Sisti) in una produzione de Il Contato/Teatro Giacosa di Ivrea. 

“Il Ventaglio” di Goldoni è un ottimo banco di prova per un cast di giovani attori, in cui nessuno primeggia, perché tutti sono al servizio dell’oggetto scenico, che sfrutta i personaggi per dare sfogo alla sua energia propulsiva. I giovani protagonisti dello spettacolo, selezionati fra i migliori diplomati delle più prestigiose scuole di teatro italiane, danno voce a una commedia corale, caratterizzata dalla compresenza simultanea in scena di tutti i 12 personaggi, che animano la piazza di un borgo lombardo senza tempo. Dietro il mostruoso attivismo di tutti i personaggi si nasconde una insanabile inerzia del vivere che accomuna aristocratici decaduti, contadini laboriosi e borghesi che ostentano un gran daffare per nascondere la loro incapacità di agire. 

C’è bisogno di muovere l’aria, di un po’ di vento che accenda gli entusiasmi e doni nuova linfa alle anime appassite. Ed ecco che un semplice ventaglio innesca un vortice di movimenti, agita gli animi e mette le ali all’amore, che si espande nella piazza e sconvolge gli equilibri. Si respira l’aria della fine di un’epoca, la decadenza scrosta i muri e mina le fondamenta del paese: e in ciò si legge un legame stretto con la nostra contemporaneità, immobilizzata dalla crisi economica che, dopo avere destabilizzato i già precari equilibri, sta costringendo tutti a fermarsi, a ridimensionare sogni e ambizioni, e a covare depressione e risentimento, in attesa di una ventata che distragga gli animi e ci faccia girare la testa per un po’.

L’ingresso intero è a 20 euro, ridotto 17 euro. Per informazioni e prenotazioni Ufficio sport/cultura del Comune di Borgomanero tel. 0322/837739 o www.ilcontato.it. 

Redazione online 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: mercoledì, 08 febbraio 2012, 1:04 m.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top