Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 15 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 16 settembre 2011, 8:27 m.

A Santa Croce “girano” e vince la sfilata

Il carro del rione, ispirato ai problemi che affliggono il paese, sul podio della festa dell’Uva

BORGOMANERO -  La frazione Santa Croce con il carro satirico dal titolo “Giravano allora e ci girano ancora” ispirato ai problemi che affliggono il nostro Paese ha vinto domenica pomeriggio la sfilata della Festa dell’Uva nella categoria dei carri allegorici. Al corteo mascherato hanno assistito più di quindicimila spettatori. Quella di Santa Croce è stata una vittoria al foto finish. Al carro della frazione la giuria ha infatti assegnato 144 punti, uno solo in più rispetto al maestoso carro del rione San Rocco “La giostra dei volti” progettato da Mariano Manca e penalizzato da un imprevisto black out musicale che ha impedito ai componenti del carro di esibirsi in piazza Martiri di fronte ai giurati. A sole due lunghezze dal vincitore (e questo la dice lunga sulla qualità dei carri in gara) la frazione San Marco con “San Marco... siamo sulla buona strada”. Nell’ordine si sono quindi classificati “Robin  e l’allegra banda di Sherwood” (133 punti) animato da oltre trecento ragazzi e ragazze dell’Oratorio parrocchiale guidati da don Riccardo Zaninetti, “Ari ubriache” realizzato dai rioni Solaggio e San Rocco di Ameno (116 punti) e “Difendiamo la natura e le sue bellezze” (punti 93) che già aveva sfilato al Carnevale di Borriana in provincia di Biella.

Nella categoria dei carri vendemmiali hanno vinto invece “I ragazzi di Santa Cristina” (132 punti) che hanno avuto la meglio su “In vino unitas” (120 punti) che l’Oratorio di Cureggio ha realizzato ispirandosi all’Unità d’Italia e ai prestigiosi vini prodotti nel nostro Bel Paese. A sostenere il carro il sindaco di Cureggio Annalisa Beccaria e l’anziano parroco don Andrea Cusaro. Terzo classificato “Suca Band e la magia di Mago Merlino, a Borgomanero l’acqua si trasforma in vino” (119 punti) che ha preceduto “È una vigna” (110) realizzato dal Rione San Gottardo e vivacizzato dalla presenza del vulcanico Frank Fusi, “La foresta incantata” (109) dell’Oratorio di Maggiate Superiore, Fiori e fantasie” (107) costruito dai “Matai da Gargal”, “I matai d’la vandomia” (105) della frazione Santa Cristina, “Chiusura dell’estate” (103) dei Ragazzi di Santo Stefano, “Il rione San Bernardo in festa dopo la vendemmia” (100), “Al mulin d’un bot” degli “Abusivi” di Suno (98) e “150° di vini di Boca” (93 punti) della Compagnia delle contrade di Boca.  “Il pranzo è servito” allestito dalla “Palestra Fantastic Gym” è stato invece premiato quale miglior gruppo. Secondi classificati ex aequo “Anche gli orchi pestano luva” (Gruppo rugby Borgomanero) e “Viva le donne italiane” (Le Gargallesi) mentre terzo si è classificato il “Comitato insieme per Plello”. Tra le macchiette la “Vendemmia dei matalitti” (Matai d’un bot) ha avuto la meglio su “Gustiamoci il territorio” realizzato dai soci Coop capitanati da Mario Ceratti che ha proposto una divertente parodia di Luciana Littizzetto.

Fuori concorso, ma sempre presente, Celestino Spichetti, 85 anni che in piazza ha distribuito zucche e ortaggi di sua produzione. La sfilata, presentata da Gigi Carlotto e Valentina Medina, è stata aperta dalla Sciora Togna e dalla Caruléna, dai gruppi storici di Borgomanero e di Bad Mergemtheim e dal rione Santa Cristinetta capeggiato da Mauro Vicario, vincitore del Palio degli Asini. In serata in piazza Martiri la premiazione dei carri vincitori abbinati ai biglietti della lotteria della Festa dell’Uva. Momenti di grande emozione sono stati vissuti quando sono stati ricordati l’ex presidente della Pro loco Alberto Schiavi e Gaudenzio Mora, elemento di spicco del rione San Rocco all’interno del quale da anni collaborava nella costruzione del carro. E come atto finale della 63ª Festa dell’Uva, le maschere cittadine dopo una settimana di regno hanno riconsegnato al sindaco Anna Tinivella le chiavi della città ,simbolo del potere.

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

 

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

sfilata 2011 san marco 1.jpg

sfilata 2011 santa croce 2.jpg

Articolo di: venerdì, 16 settembre 2011, 8:27 m.
^ Top