Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: sabato, 22 settembre 2012, 10:14 m.

Addio a Camillo Vecchi, cantore della borgomaneresità

Si è spento all'età di 83 anni l'autore di libri di storia e poesia in dialetto

BORGOMANERO - Si è spento lunedì sera all'età di 83 anni nel reparto di Neurochirurgia dell'ospedale “Maggiore” di Novara, dove era ricoverato da alcune settimane, Camillo Vecchi, uno degli ultimi rappresentanti dell'autentica “borgomaneresità”. Era nato a Borgomanero il 24 agosto (giorno della festa di San Bartolomeo, patrono della città) del 1929. Da giovane aveva coltivato la passione per la musica, suonando il sax e la fisarmonica in alcune orchestrine della zona. Dopo la guerra, come tanti altri suoi conterranei, era emigrato in Svizzera dove aveva trovato occupazione in un'azienda elettromeccanica come operaio specializzato. Rientrato in Italia, aveva lavorato sino all'età della pensione come tecnico di laboratorio all'Istituto tecnico industriale statale “Leonardo da Vinci”, in viale don Minzoni. Da sempre appassionato della storia e delle tradizioni locali, si dilettava da anni a comporre liriche in dialetto borgomanerese firmando le sue composizioni con la sigla “vds” , “vun dal scioppu”, uno del ceppo, cioè uno dei discendenti dei “trozzi orchi”, i tredici pellegrini che secondo tradizione fondarono “nella notte dei tempi” la città. Nel 1991 aveva raccolto alcune tra le poesie più significative del suo ricco repertorio in un libro intitolato “La nòsta stòria….in puivisija” la cui copertina raffigurante la Collegiata di San Bartolomeo el a Madonna Immacolata di Piazza Martiri era stata realizzata dal nipote, professor Angelo Vecchi, studioso della storia locale. Agli amici a cui aveva fatto omaggio del volumetto aveva scritto di suo pugno una dedica semplice, ma molto significativa, “par nutta smantighè” (ossia, per non dimenticare). I funerali si sono svolti giovedì pomeriggio alle 14.30 nella chiesa parrocchiale della frazione di Santa Croce, dove lo scomparso abitava.

Carlo Panizza

Articolo di: sabato, 22 settembre 2012, 10:14 m.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top