Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 24 aprile 2017
Articolo di: martedì, 18 aprile 2017, 6:19 p.

Al Teatro degli Scalpellini "Il filosofo con la pistola"

In scena la storia di Piero Martinetti

SAN MAURIZIO D'OPAGLIO - Sabato 22 aprile alle ore 21 per la stagione "Vado a teatro! 2016/2017" andrà in scena al Teatro degli Scalpellini "Il filosofo con la pistola" con Franco Acquaviva. Lo spettacolo mette al centro la storia di Piero Martinetti, uno dei dodici professori universitari che si rifiutarono di prestare giuramento di fedeltà al regime fascista. Tra gli altri undici ci sono nomi importanti delle lettere, della storiografia, degli studi sull’arte, del pensiero italiani. Le migliori menti in circolazione allora in Italia; uomini che per non adeguarsi al diktat del regime hanno deciso di autoescludersi dall’insegnamento e  dalla carriera scientifica, incuranti delle conseguenze che ciò avrebbe comportato per la loro sopravvivenza. La storia di questo di questo gruppo di coraggiosi intellettuali è stata raccontata nel libro di Giorgio Boatti “Preferirei di no”, da cui lo spettacolo trae alcune suggestioni.

In scena un solo attore rievoca, costruisce e abita l’estremo ritiro del filosofo Piero Martinetti nella campagna canavesana. Vediamo il filosofo alle prese con i fantasmi della propria vita: le contestazioni degli studenti fascisti e l’ostilità dei colleghi, il rifiuto di giurare, le dimissioni, l’arresto, la scelta del ritiro. L'assistente alla regia è Anna Olivero dalla precedente regia di Simone Capula.

Il 21 aprile alle ore 9 lo spettacolo sarà presentato in anteprima ad alcune classi di un liceo classico del territorio. Lo spettacolo è stato presentato presso varie istituzioni universitarie tra cui Uninsubria di Varese, Casa della Cultura di Milano, Università di Firenze; Università di Bologna (Premio DAMS); Università di Roma TRE (DAMS); Università dell’Aquila; Università di Torino (DAMS); Università di Lecce; oltre che in varie rassegne e stagioni  teatrali in diverse parti d’Italia tra cui: Bergamo, Modena, Faenza, Sassari e provincia, Nuoro e provincia, Rovigo, Torino e provincia, Brescia, Formia, Verbania, Novara.  Lo spettacolo è in abbonamento, biglietto unico 8 euro. 

v.s.

Articolo di: martedì, 18 aprile 2017, 6:19 p.
youkata
^ Top