Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 21 gennaio 2018
Articolo di: mercoledì, 24 ottobre 2012, 4:21 p.

All’istituto Maugeri di Veruno nuove tecniche contro le vertigini

Un corso e un apparecchio speciale per battere la sensazione di perdita d’equilibrio

VERUNO – Vertigini? Non è solo questione di altezza. Molto spesso l’alterazione dell’equilibrio è legata a patologie dell’orecchio interno, che ora si possono curare con dei trattamenti riabilitativi. A svelarne i segreti è stata oggi un convegno scientifico che si è tenuto presso l’IRCCS Fondazione Maugeri di Veruno. Qui ogni anno sono accolti circa 150 pazienti che hanno disturbi dell’equilibrio e della postura, che comunemente vengono considerati vertigini. Si tratta di un disturbo relativamente frequente tra gli ultraquarantenni, che porta con sé anche nausea e cefalea. A provar colo sono alcune patologie dell’orecchio interno, le cosiddette vestibolopatie, che danno la sensazione di essere al centro di un vortice. Il corso, coordinato dal dottor Stefano Corna, medico del reaprto di Recupero e Rieducazione Funzionale dell’Istituto Scientifico di Veruno dell’IRCCS Fondazione Maugeri guidata dal dr. Antonio Nardone, è stata l’occasione per fare il punto sulle principali tecniche riabilitative per la cura della “vertigine”. “Presso il nostro centro abbiamo messo a punto un protocollo riabilitativo per la cura di due differenti livelli di vestibolopatie: il trattamento mediante le manovre liberatorie svolte in ambulatorio e in degenza ordinaria. In questo caso, per contrastare i problemi legati alla deambulazione e all’equilibrio, il paziente avrà la possibilità di utilizzare una pedana mobile: un dispositivo realizzato in collaborazione con il Servizio di Bioingegneria dell’Istituto di Veruno e con il Centro Studi Attività Motorie dell’Istituto Scientifico di Pavia. La pedana, oscillando in modo prevedibile, addestra il paziente a controllare l’equilibrio sfruttando gli aggiustamenti posturali anticipatori e si è dimostrata più utile dei semplici esercizi riabilitativi nel ridurre la sensazione vertiginosa”.

Lucia Panagini



 

Articolo di: mercoledì, 24 ottobre 2012, 4:21 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top