Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 16 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 18 aprile 2011, 12:00 m.

Ambone di Orta rivisitato da Maulini

Il 19 aprile inaugurazione della mostra e presentazione del volume di Interlinea

ORTA SAN GIULIO - L’ambone della Basilica di San Giulio di Orta - capolavoro della scultura romanica degli inizi del XII secolo - è da sempre considerato uno dei maggiori tesori conservati della chiesa che è ritenuta il “cuore” religioso del Cusio. Un pulpito a base rettangolare, in pietra verdastra estratta dalle vicine cave (a suo tempo utilizzate anche per il Duomo di Milano e la Certosa di Pavia), sorretta da quattro piccole colonne diverse l’una dall’altra, che a loro volta sostengono sei piastre decorate a rilievo dove sono rappresentati in forma allegorica gli animali che nell’iconografia classica simboleggiano gli evangelisti e poi ancora scene di caccia e di lotta, sino a quella più conosciuta quanto misteriosa che secondo molti raffigurerebbe Guglielmo da Volpiano.

Le affascinanti sculture in rilievo dell’ambone di Orta trovano ora posto in una serie di lavori - le “Sculture dipinte” - che l’artista Mauro Maulini, presenterà domani, martedì 19 aprile, alle ore 18, introdotto dal critico d’arte Raul Capra, nel Palazzotto di piazza Motta a Orta San Giulio.

Originario di Pettenasco, Maulini ha studiato Figura all’Accademia di Belle Arti di Brera. Pittore, grafico e scenografo, ha vissuto e lavorato a Milano sino alla metà degli anni ’90 del secolo scorso, prima di ritornare nel suo Cusio, a Crabbia.

La sua vasta produzione, iniziata oltre quarant’anni fa, comprende anche numerose cartelle di grafica e circa duecento incisioni all’acquaforte. Nell’occasione, sempre domani, sarà presentato il volume che raccoglie le trenta tempere esposte.

La pubblicazione, edita da Interlinea con testi di Anna Maria Cànopi, Carlo Carena e Laura Pariani, è realizzata in edizione d’arte in tiratura limitata di 250 copie e verrà proposta al pubblico al prezzo di 50 euro. La mostra, che gode del patrocinio del Comune di Orta San Giulio e il sostegno della società “Ebano”, sarà visitabile sino al 15 maggio (orario 10-12 e 16-19).

Luca Mattioli

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

 

Articolo di: lunedì, 18 aprile 2011, 9:19 m.
^ Top