Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 22 novembre 2017
Articolo di: giovedì, 05 maggio 2011, 9:26 p.

Area Tarditi, «spesa eccessiva per il parcheggio»

Approvato in consiglio comunale l’acquisto del sito su cui sorgeva il “fabbrichin”

BORGOMANERO - Il Consiglio comunale con i voti della maggioranza di centro destra e l’astensione della minoranza ha approvato venerdì 29 aprile con un impegno di spesa di un milione e settecentomila euro l’acquisto dell’area Tarditi in via Monsignor Cavigioli dove un tempo sorgeva il “Fabbrichin” una delle prime aziende tessili locali impiantata nel 1887dalla Famiglia Imperatori di Verbania. L’intera area da tempo è dimessa. Gli ultimi discendenti della famiglia Tarditi, i fratelli Edoardo e Valentina che da tempo vivono in Argentina hanno deciso di venderla ponendo come condizione che l’area stessa venga intitolata dal Comune alla memoria dei loro genitori, Liliana e Domenico. «Quest’area – ha spiegato il sindaco Anna Tinivella – si trova proprio di fronte al nuovo ingresso dell’Ospedale “Ss. Trinità” e al Centro Prelievi. È nostra intenzione trasformarla in parcheggio a beneficio della struttura sanitaria mantenendo uno spazio verde attorno alla Chiesa di Santa Caterina che diventa anch’essa di proprietà comunale». Mattia Cornacchia, capo gruppo di “Borgomanero viva” ha preannunciato la sua astensione dicendosi comunque contrario alla trasformazione dell’area in parcheggio perchè così, ha sottolineato, «si andrebbe a distruggere quella che rappresenta l’ultima storica testimonianza dell’industria borgomanerese. Piuttosto – ha aggiunto – si potrebbe procedere alla ristrutturazione adibendo ad esempio il seminterrato del “Fabbrichin” ad archivio per l’Ospedale». «La minoranza di centrosinistra che questa sera si oppone alla realizzazione del parcheggio – ha replicato il sindaco – è la stessa che quando era in maggioranza nel 2006 aveva approvato un piano esecutivo per destinare quest’area ad accogliere un insediamento residenziale, commerciale e direzionale». «Spendere una cifra così importante per un parcheggio – ha detto Gaetano Vullo (Pd) – mi sembra eccessivo.

Vorrei sapere almeno se c’è un interesse specifico da parte dell’Asl». «C’è sicuramente un interesse – ha risposto il Sindaco – e lo dimostra il fatto che l’Asl si è rivolta alla Regione per ottenere un contributo di 500.000 euro finalizzato proprio alla costruzione di un parcheggio in questa zona». «Un’operazione del genere – ha detto l’ex sindaco Pierluigi Pastore (Pd) – avrebbe avuto un senso se l’Asl o la Regione avessero garantito un potenziamento dei servizi sanitari sul territorio.

Se proprio si voleva aumentare il numero dei parcheggi sarebbe stato sufficiente valorizzare il parcheggio di piazza Salvo d’Acquisto realizzando un parcheggio sotterraneo o sopra elevato.

Non dimentichiamoci che per l’acquisto dell’Area Tarditi, la demolizione del fabbricato esistente e la costruzione del parcheggio si spenderanno oltre 2,8milioni di euro».

In precedenza il Consiglio aveva approvato il Bilancio consuntivo 2010 che ha fatto registrare un avanzo di amministrazione di due milioni e 72mila euro. Qualche piccola scaramuccia tra maggioranza e opposizione c’è stata quando è stata proposta la variazione temporanea al Bilancio 2011 per 700.000 euro in attesa del perfezionamento delle vendita da parte del Comune di un terremo nell’area ex Enel in via Gozzano. L’operazione si sarebbe dovuta concludere entro fine aprile ma per problemi tecnici slitterà a luglio. Nel frattempo il Comune ha incassato un acconto di 300.000 euro. Il ricavato della vendita (un milione di euro) sarebbe dovuto servire per sostenere le spese occorrenti alla riqualificazione dei quattro corsi cittadini i cui lavori, appaltati di recente all’impresa”Lorenzo Cerutti” dovrebbero iniziare tra qualche settimana. «Avete appaltato un’opera - ha accusato Gianni Barcellini (Pd)- senza la certezza della copertura finanziaria. È un fatto gravissimo». «Non è stata commessa nessuna irregolarità – ha assicurato l’assessore al Bilancio Giuseppe Cerutti – tutto è stato fatto nel pieno rispetto delle regole».

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì. Giovedì e sabato

Articolo di: giovedì, 05 maggio 2011, 9:26 p.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top