Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 25 febbraio 2018
Articolo di: venerdì, 20 aprile 2012, 3:08 p.

Arona-Borgomanero-Santhià: quale futuro?

Da chiarire come sarà strutturato il servizio autobus

Ancora non è chiaro quale sarà il futuro per la Arona-Borgomanero-Santhià. Alla vigilia di Pasqua Trenitalia ha annunciato la soppressione di alcune tratte "minori", tra cui appunto la linea che congiunge Arona a Santhià, e la loro sostituzione con un servizio di autobus. "Ultimamente però - rivela Gianni Bertone, del coordinamento pendolari della Provincia di Novara- erano venuti a mancare proprio i pullman per i collegamenti sostitutivi". Gli utenti borgomaneresi della linea sono soprattutto studenti che si recano ad Arona e lavoratori che viaggiano in direzione Torino con scalo a Santhià: il loro numero dovrebbe essere complessivamente più chiaro dopo la statistica avviata dalla Regione Piemonte. Del caso si stanno interessando anche alcuni enti locali e a breve ci sarà una riunione in Regione per decidere il da farsi. "Anche noi pendolari saremo presenti al tavolo di lavoro" annuncia Bertone.

Si è normalizzata invece la situazione sulla Domodossola-Borgomanero-Novara: ad aprile i pendolari non hanno riscontrato problemi di rilievi dopo le "settimane orribili" del mese di marzo. "La Regione ha dato il consenso al rimborso, ritirato dai pendolari nel mese di aprile" spiega Francesco Coco, portavoce dei pendolari della  Borgomanero-Novara. Rimangono però i piccoli disagi quotidiani: "Solo per fare un esempio - conclude Gianni Bertone - Stamattina i display alla stazione di Arona erano tutti spenti e sul treno Arona-Milano la temperatura era tropicale, tanto da costringerci a fare il viaggio con i finestrini abbassati".

Lucia Panagini

Articolo di: venerdì, 20 aprile 2012, 3:08 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top