Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 24 settembre 2012, 1:43 p.

Arona-Santhià: "Non ci sono tempi certi per il ripristino dei treni"

I pendolari preoccupati dopo la riunione di quadrante. Spunta l'ipotesi Arenaways?

L'unica certezza è che sull'Arona-Borgomanero-Santhià rimangono i pullman. Nessuna novità dalla Riunione di quadrante sui trasporti pubblici che si è svolta nei giorni scorsi a Vercelli e commentata oggi dai pendolari con un comunicato stampa. "Purtroppo la gran parte del tempo è stata spesa nella discussione dell’altro ordine del giorno trattante delle problematiche della linea ferroviaria Torino-Milano (tanto che molti avevano già abbandonato il tavolo al momento di discutere dell'Arona-Santhià, ndr) - si legge sul comunicato - In primis abbiamo chiesto il ripristino della linea ferroviaria e sul punto ci è stato risposto che verrà predisposto l’appalto dalla SCR, società di consulenza della Regione. Sulla tempistica nulla è stato dato per certo se non che le linee prioritarie dovrebbero essere altre". Sulla tratta ferroviaria, soppressa il 17 giugno scorso, quindi per ora non torneranno i treni e i pendolari continueranno a viaggiare sugli autobus sostitutivi. Un servizio comunque migliorato dopo il primo periodo, in particolare perchè gli autisti a Santhià attendono le coincidenze sulla Milano-Torino, ma ancora poco funzionale per i viaggiatori a causa del doppio gestore, fatto che costringe a trasbordare su un altro pullman a Romagnano Sesia. "Abbiamo ribadito che per il momento è comunque necessario che l’intera tratta Arona – Santhià sia coperta da un solo bus senza rotture di carico a Romagnano" continua infatti il comunicato del comitato. In attesa che la Regione vagli ipotesi alternative, però, i pendolari non stanno a guardare. "Stiamo collaborando attivamente con Beppe Arena (il patron di Arenaways, azienda ferroviaria privata) ad un progetto complessivo sul quadrante - commenta il portavoce del Comitato, Massimo De Simone - Non è una questione di simpatie, ma semplicemente è stato l'unico che finora ci ha coinvolto".

Lucia Panagini

Articolo di: lunedì, 24 settembre 2012, 1:43 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top