Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 17 febbraio 2018
Articolo di: venerdì, 20 luglio 2012, 1:52 p.

Attenzione ai falsi finanzieri a Borgomanero

L'allarme giunge dal comando provinciale delle Fiamme Gialle

BORGOMANERO - La prassi oramai è consolidata: si presenta ben vestito alla porta di casa dell’anziano  preso di mira e, dopo l’esibizione in tutta fretta di un fantomatico tesserino riconducibile a chissà quale ufficio o mansione, approfitta della sua buona fede, si introduce in casa, per uscirne poco dopo con le “tasche piene”

L’allarme viene dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Novara che nei giorni scorsi ha riscontrato, a Borgomanero, alcuni episodi accaduti a malcapitati cittadini, vittime di sedicenti appartenenti alle Fiamme Gialle.

Questi malviventi, per fantasiose “ragioni di servizio”, sono stati fatti entrare in casa e, una volta dentro, hanno derubato gli ignari cittadini di oggetti di valore senza destare il minimo sospetto, con l’ulteriore beffa di invitarli a non riferire niente a nessuno circa la loro visita.

Episodi di questo genere solitamente si intensificano con l’arrivo dell’estate ed il conseguente “esodo” di gran parte degli abitanti dalle città verso le località turistiche.

Il numero gratuito di pubblica utilità della Guardia di Finanza “117” offre indubbiamente un valido supporto a tutti i cittadini che si trovino in difficoltà.

A tal proposito, lo stesso Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Novara rinnova l’invito a prestare la massima attenzione circa la possibilità che si ripetano questi sgradevoli episodi, adottando alcuni piccoli suggerimenti ed accorgimenti: si visioni attentamente il documento di riconoscimento, magari richiedendone una chiara esibizione, si prenda nota del nominativo del grado e del nome, si richieda l’esibizione dell’ordine di servizio.

In ogni caso, per sciogliere ogni dubbio ci si potrà rivolgere al numero di pubblica utilità “117” i cui operatori potranno confermare l’identità o anche smascherare l’infedeltà del malfattore di turno.

Ma il primo suggerimento importante è sicuramente quello di non aprire la porta di casa o far entrare una persona prima di essere sicuri della sua identità.

Monica Curino

 

 

Articolo di: venerdì, 20 luglio 2012, 1:52 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top