Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: sabato, 10 novembre 2012, 1:40 p.

Auto sui corsi a Borgomanero, ora scoppia la rabbia dei residenti. Interviene il sindaco

«Apertura programmata per andare incontro alle istanze dei commercianti»

BORGOMANERO - Non si placano le polemiche a quasi una settimana dalla riapertura al traffico automobilistico (anche se a senso unico e da lunedì a giovedì) dei quattro corsi cittadini e di piazza Martiri. Il provvedimento entrato in vigore lunedì 5 novembre era stato sollecitato dai commercianti del centro storico, diversi dei quali avevano imputato proprio alla prolungata chiusura dei corsi la crisi che sta investendo il settore del commercio locale.

Di differente avviso un numero sempre più crescente di borgomaneresi che erano ormai abituati a considerare il centro storico un’isola pedonale permanente dove poter passeggiare tranquillamente senza il rischio di essere investiti dalle auto e con la possibilità di “fare shopping” con tutta calma. Molti di loro quotidianamente manifestano il loro disappunto con telefonate o affidando la loro rabbia sul sito internet del Comune. C’è chi ha addirittura chiesto se “i costi che l’Amministrazione comunale ha dovuto sopportare per l’installazione all’inizio di ogni corso dei dissuasori a scomparsa e per l’impianto di vigilanza saranno sostenuti da coloro che hanno voluto la riapertura dei corsi alle auto oppure graveranno nelle tasche di tutti i cittadini”.

Per cercare di placare i toni delle polemiche è intervenuto direttamente il sindaco Anna Tinivella. «In questa fase di crisi economica, poiché i commercianti chiedono di ripristinare il traffico veicolare, allo scopo di andare incontro alle loro istanze - spiega il primo cittadino sul sito internet del Comune - si attuerà sui corsi un‘apertura programmata agli automezzi a senso unico, da lunedì a giovedì. Il centro storico, che abbiamo reso così bello, sarà luogo di passeggio nei fine settimana e durante i giorni festivi”.  

Nei giorni scorsi intanto è stato completato l’arredo urbano di piazza Martiri con la sistemazione dei quattro angoli della piazza di una serie di fioriere per evitare che le auto possano parcheggiare.

Carlo Panizza

Articolo di: sabato, 10 novembre 2012, 1:40 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top