Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 17 gennaio 2018
Articolo di: domenica, 18 settembre 2011, 8:47 m.

Bacchetta lascia, addio al Burbanèllu

Il calendario storico-dialettale chiude

BORGOMANERO - Dopo più di trent’anni cessa le pubblicazioni il “Burbanèllu”, il calendario in dialetto borgomanerese che dal 1979 in poi è stato realizzato da Giuseppe Bacchetta, giornalista, ex sindaco della città e sino a qualche mese fa presidente della Sovracomunale Avis, organismo cui fanno capo tutte le sezioni e i gruppi dei donatori di sangue operanti nell’alto novarese. È lo stesso Bacchetta, che il 30 agosto scorso ha festeggiato l’ottantesimo compleanno, ad annunciare ai suoi affezionati lettori la decisione assunta a causa di qualche acciacco dovuto all’età avanzata. “Voglio ringraziare –  scrive Bacchetta in un comunicato – tutti i miei concittadini che mi hanno seguito per così tanto tempo e gli sponsor primo fra tutti il Comune di Borgomanero che hanno sostenuto la mia iniziativa. Questo calendario che in qualche modo ha saputo perpetuare soprattutto la nostra lingua e ricordare i fatti e gli avvenimenti del Borgo, sono certo rimarrà nel cuore dei ricordi i tutti i “burbanelli” e troverà posto nel grande libro della storia della nostra città. Ragioni di salute – conclude Bacchetta – sono prevalse alla volontà di voler continuare la mia fatica”. La realizzazione del “Burbanèllu” era per ammissione stessa dell’autore una vera e propria “tribulazion”. Nelle pagine del calendario infatti oltre ai proverbi si potevano trovare mese dopo mese le notizie di avvenimenti accaduti in città venticinque, cinquanta e anche un secolo addietro. Questo comportava da parte di Bacchetta una continua, frenetica ricerca presso gli archivi comunale e parrocchiale e presso le redazioni dei giornali. Una volta raccolto il materiale Bacchetta provvedeva anche alla ricerca delle foto e dei documenti da inserire nella pubblicazione che veniva quindi “assemblata” durante il breve periodo di vacanza che l’autore si concedeva nel mese di agosto in Valle Vigezzo.

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato 

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

BACCHETTA GIUSEPPE.jpg

Articolo di: domenica, 18 settembre 2011, 8:47 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top