Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 25 febbraio 2018
Articolo di: martedì, 21 febbraio 2012, 12:38 m.

Baskin, nuovo sport senza discriminazioni

Il progetto è promosso a Borgomanero dall’Agbd

BORGOMANERO - È stato presentato giovedì della scorsa settimana nella palestra delle Scuole  elementari “Dante Alighieri” di piazza Matteotti il progetto “Baskin a Borgomanero” promosso dall’Associazione genitori bambini down (Agbd) che ha sede ad Arona ed è presieduta da Tineke Everaarts.

Un progetto molto ambizioso che dopo un anno di sperimentazione è ufficialmente decollato grazie alla collaborazione e al contributo della Fondazione Comunità del Novarese, della Fondazione della Banca Popolare di Novara per il territorio, del Kiwanis Club Borgomanero, della Direzione didattica e della sezione territoriale del “Baskin Lago Maggiore”, oltre al patrocinio dell’Amministrazione comunale e il contributo del Ciss (Consorzio intercomunale dei servizi socio assistenziali). 

Ma cos’è il baskin ? «È un nuovo sport - ha spiegato la signora Everaarts - che dà ad ognuno l’opportunità di esprimere il massimo delle proprie capacità. Dinamico e imprevedibile il baskin contiene tutti gli elementi di un vero sport, ma riscopre l’originale vitalità etica dei valori sportivi. Permette, senza nessuna discriminazione, l’attiva partecipazione all’interno della stessa squadra di ragazzi e ragazze, con o senza disabilità, con ottima esperienza o senza nessuna esperienza di basket».

Per attuare il progetto l’Agbd si è appoggiata ad un’altra associazione “Amicigio”, sempre di Arona, che da quattro anni sotto la presidenza di Gabriella Bortolotto propone lo sport del baskin al Palamico di Castelletto Ticino. 

Carlo Panizza

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara di lunedì 20 febbraio 2012 in edicola o direttamente online in versione digitale sfogliabile 

Articolo di: martedì, 21 febbraio 2012, 12:38 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top