Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
Articolo di: mercoledì, 29 agosto 2012, 11:32 m.

Bilancio positivo per la festa di San Vito

Oltre 600 artisti coinvolti sui palchi della patronale di Omegna

OMEGNA - Ancora una volta la Festa di San Vito ha fatto centro. Per poco più di una settimana Omegna si è trasformata da tranquilla cittadina di 15 mila abitanti a centro attrattivo che è arrivato ad accogliere fino a 80 mila persone la sera della conclusione del capionato mondiale di fuochi d'artificio. La festa si è chiusa lunedì 27 agosto in maniera diversa dalla tradizione: è stata infatti spostata a lunedì - causa maltempo - la processione del sabato con le reliquie di San Vito. "Il bilancio è positivo nonostante la situazione meteo abbia compromesso la serata di sabato - conferma Roberto Tomatis, uno degli organizzatori - Abbiamo mantenuto i numeri degli anni scorsi, con sempre più presenze da fuori provincia". La dimostrazione è nella provenienza dei vincitori al banco di beneficenza, altro elemento caratterizzante della Festa di San Vito. "Abbiamo avuto persone di Udine, Pavia e Cuneo, che erano in zona per turismo e hanno voluto visitare la nostra festa" continua Tomatis. Ma i premi più ambiti sono rimasti sulle sponde del lago: sono, infatti, omegnesi le fortunate vincitrici delle due automobili in palio. Buon riscontro anche per la formula collaudata lo scorso anno di una festa "diffusa" su diverse piazze, che potrebbe essere in futuro ancora più allargata. "Il nostro è un pubblico composto in prevalenza di famiglie e quindi anche quest'anno abbiamo puntato a spettacoli per tutti, con gli artisti degli anni '60 e '70 che hanno riscosso un ottimo successo - sottolinea Tomatis - In totale sono stati oltre 600 gli artisti coinvolti a vario titolo negli spettacoli". Imponente anche la mobilitazione dei volontari e delle forze dell'ordine per garantire il buon funzionamento della macchina organizzativa: "A tutti loro un sentito grazie" conclude Tomatis.

Lucia Panagini

Articolo di: mercoledì, 29 agosto 2012, 11:32 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top