Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 24 aprile 2017
Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 8:42 m.

Borgo, una crisi senza fine

Se ne va anche il tecnico Poma

E' una crisi senza fine quella del Borgomanero. Senza il tecnico Marco Poma, dimesso nella serata di sabato, a Pombia i rossoblu incassano il quarto ko consecutivo in un mese. Borgo sconfitto, ma soprattutto sfortunato, tanto da impattare per ben due volte contro il palo. L’Alpignano invece non fa sconti, concretizzando al meglio l’unica vera occasione creata e strappando il successo grazie al colpo di testa vincente di Russo. In campo la sfida è equilibrata fin dall’inizio, perché entrambe le squadre preferiscono prendersi le misure, anziché provare a spaccare gli equilibri. I rossoblu si dimostrando attenti, evitando sbavature. Tentano anche di farsi vivi dalla parti di Doda, ma ci si mette di mezzo il palo a negare il vantaggio. Non stanno a guardare nemmeno i torinesi, che emergono sulla lunga distanza come un diesel. Il più insidioso si dimostra Cirillo, c’è però il legno a salvare la porta di Zenoni. Nulla di più, in primo tempo dove il match rimane incollato sul pari a reti inviolate. Soltanto nella ripresa la partita si accende. Nonostante l’innesto di Pira al poso di Canu, a tenere il pallino del gioco è il Borgomanero, che si rende pericoloso dopo soli cinque minuti con un sinistro di Scavetta bloccato facilmente da Doda. L’estremo difensore biancoblu è poi decisivo su Manzini, sbarrando la strada sulla punizione del numero otto. E quando il numero uno dei torinesi non ci arriva è ancora il palo a salvare l’Alpignano: Scavetta crossa dalla destra, Ravetto incorna, ma il pallone sbatte sul legno. Al 20’ si fanno finalmente vedere anche gli ospiti, con il sinistro di Marangone da fuori su cui Zenoni si dimostra attento. Ci prova anche Cirillo, tutto facile per il portiere rossoblu. L’Alpignano cresce d’intensità e poco dopo la mezz’ora ecco il colpo di testa di Russo su angolo di Carini che sblocca il match. I torinesi potrebbero addirittura raddoppiare, ma Zenoni salva nel finale su Cirillo.

Riccardo Guglielmetti

Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 8:42 m.
youkata
^ Top