Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 19 novembre 2017
Articolo di: sabato, 02 giugno 2012, 9:43 m.

Borgomanero: ancora nessun accordo per il presidente del Consiglio Comunale

Già in programma un nuovo incontro. I papabili sono Vicario e Valsesia

BORGOMANERO - Nessun accordo è stato ancora raggiunto all'interno della maggioranza di centrodestra per designare il nuovo presidente del Consiglio comunale. L'incontro, tenutosi giovedì pomeriggio, si è infatti concluso con una “fumata nera”. Sarebbero due i “papabili”: il Pdl ha proposto Diego Vicario, 27 anni, consigliere uscente ed imprenditore nel settore dei prodotti per l'edilizia che nella passata legislatura aveva ricoperto la carica di presidente del “Lascito Carlo e Vincenzo Tornielli”; mentre la lista “IlBorgo” capitanata dal neo vicesindaco Sergio Bossi ha sostenuto la candidatura dell'avvocato Francesco Valsesia detto “Chicco”, 40 anni, al suo esordio a Palazzo Tornielli. Il Pdl, nelle cui file milita Anna Tinivella, riconfermata nella carica di sindaco con il 56,66 per cento dei consensi, è riuscito a portare in Consiglio comunale tre suoi rappresentanti: Pierfranco Mirizio, pronto a dimettersi per continuare a fare l'assessore all'Urbanistica e allo Sport (il suo posto verrà preso dall'architetto Andrea Mora), Gianluca Godio, assessore provinciale alla Viabilità e Diego Vicario. “Il Borgo”, che grazie anche all'appoggio esterno assicurato dall'ex parlamentare e assessore uscente al bilancio Giuseppe Cerutti è diventato la prima forza politica locale, di consiglieri ne avrà sei di cui due, Bossi e Filippo Mora lasceranno il posto a Elisa Zanetta e ad Enzo Bobice per andare a ricoprire all'interno dell'esecutivo, il primo la carica di vicesindaco con una super delega e il secondo la carica di assessore a Comunicazione, Turismo, Commercio e Servizi demografici. A contendersi la poltrona di presidente del Consiglio sono solo Pdl e “Il Borgo” in quanto le altre forze della coalizione sono già state premiate: l'Udc ha ottenuto la riconferma come assessore ai Servizi sociali di Maria Emilia Borgna, mentre la Lega Nord che al ballottaggio ha sostenuto “senza apparentamenti ufficiali” la candidatura di Tinivella, è stata gratificata con un assessorato, assegnato a Ignazio Stefano Zanetta che in Consiglio lascerà il posto a Roberto Nonnis. La questione del presidente del Consiglio sarà oggetto di un nuovo incontro convocato per oggi, sabato. Sarà la volta buona? Nessuno al riguardo si sbilancia, anche se Bossi è fiducioso: «Si troverà certamente un accordo - ha detto - scegliendo una persona che abbia la capacità e una adeguata preparazione per presiedere e gestire le adunanze consigliari». I tempi stringono. Il primo Consiglio comunale dell'amministrazione “Tinivella bis” è stato infatti convocato per sabato 9 giugno alle 9.30. In quella circostanza, oltre alla presentazione della Giunta, verranno presentate anche le linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti che l'Amministrazione incarica intenderà realizzare nei prossimi cinque anni. Non si placano intanto le polemiche tra i banchi dell'opposizione dove la spaccatura nella coalizione di centrosinistra, che aveva sostenuto la candidatura di Pierluigi Pastore, è ormai netta: da un lato il Pd rappresentato da Hassan Pagano e Margherita Brigonzi e dall'altro Pastore e Gianni Barcellini in rappresentanza della lista “Per Borgomanero Pastore”. Il “Movimento Cinque Stelle - Beppe Grillo”, che con oltre ottocento voti è riuscito a portare a Palazzo Tornielli Flavio Cerutti, ha smentito le voci secondo cui Cerutti per impegni di lavoro sarebbe pronto a dimettersi per far posto a un altro “grillino”. Non è però da escludere che un avvicendamento potrebbe esserci “strada facendo”.

Carlo Panizza

Articolo di: sabato, 02 giugno 2012, 9:43 m.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top