Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: domenica, 23 settembre 2012, 10:04 m.

Borgomanero, gli stranieri sfondano quota 2000

Ma la percentuale maggiore è a Soriso: qui viene dall’estero un cittadino su sette

BORGOMANERO -Presenza straniera quasi triplicata in dieci anni nel Novarese. E la zona del borgomanerese non fa eccezione. La città agognina, infatti, si colloca al terzo posto in Provincia come numero di stranieri residenti in città. E nel corso del 2011 le persone con nazionalità non italiana a Borgo hanno superato quota 2000: secondo le rilevazioni statistiche Istat sono 2059, 157 in più rispetto al 2010. A far emergere il dato, l’ultimo rapporto dell’Osservatorio interistituzionale sull’immigrazione nella provincia di Novara, presentato negli scorsi giorni in Prefettura. L’incidenza totale della popolazione straniera su quella totale del Comune è a Borgomanero è quindi del 9,6%. Un numero significativo, ma non così alto se confrontato con quello di altri Comuni della Provincia. A Gozzano, ad esempio, gli stranieri in totale sono 562, il 9,9%. Ma il “record” di presenze percentuali va alla piccola Soriso, dove praticamente un cittadino su sette arriva dall’estero. Qui, infatti, gli stranieri sono 113, il 14,5% della popolazione, una percentuale che eguaglia quasi quella di Trecate, la città più multietnica del novarese. Per quanto riguarda le cittadinanze, ovunque sono le comunità marocchine, albanese e rumena le più numerose. Percentuali significative di senegalesi si riscontrano a Gozzano (20,6%) e di ucraini a Borgomanero (22,1%).

Lucia Panagini

 

Articolo di: domenica, 23 settembre 2012, 10:04 m.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top