Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 11 dicembre 2017
Articolo di: domenica, 22 aprile 2012, 8:41 m.

Centrale sotterranea, Valstrona dice no

Sogenel ha presentato il progetto per un impianto idroelettrico

VALSTRONA - Nessuna condotta o galleria che dir si voglia, passerà sopra l’abitato di Strona. Lo hanno detto più volte gli abitanti della località coinvolta nel progetto di realizzazione della centrale-impianto idroelettrico “Strona- Marmo” ad opera della ditta Sogenel, presentata nella Casa municipale, gremita di pubblico, lo scorso mercoledì 18 aprile. La spiegazione, sebbene dettagliatissima, fornita dagli ingegneri Tacchi e Di Giovanni di Sogenel è stata espletata ed ascoltata a fatica mercoledì sera; la preoccupazione principale che attanaglia la popolazione della Valle è legata alla sicurezza ed alla propria incolumità minata, secondo gli stessi, da una condotta realizzata nel cuore della montagna, la loro, così facile a frane e smottamenti. Il progetto non è un’idea campata in aria ma una realtà che affonda le radici negli anni 2004 quando Sogenel, che ha sede a Pescone, microfrazione di Agrano, quartiere omegnese, acquistò i progetti realizzati da una precedente società, la Siv, costituita al 49% da privati ed al 51% da un ente locale, l’allora Comunità montana Strona e Basso Toce. Nel tempo la Siv non trovò il terreno per realizzare il lavoro; ne derivò un contenzioso con la Comunità montana che portò l’entrata di Sogenel. L’intenzione di realizzare una centrale che sfruttasse il passaggio dell’acqua del torrente Strona e del rio Luzzogno era già nella mente dei predecessori di Paolo Marchesa Grandi, attuale presidente della Comunità montana “Due laghi- Cusio Mottarone- Valstrona” che però, da come raccontano gli atti, è rimasta un progetto sulla carta e, a detta della popolazione, mai illustrato in un incontro pubblico. La realtà odierna traduce quel “disegno” in una condotta della lunghezza di circa due chilometri che uscirebbe “sulla testa” degli abitanti di Strona ovvero poco sopra l’abitato dove passa la strada che sale nella frazione Luzzogno.

Luisa Paonessa

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara di sabato 21 aprile 2012 in edicola o direttamente online in versione digitale sfogliabile

 

Articolo di: domenica, 22 aprile 2012, 8:41 m.
^ Top