Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: giovedì, 20 settembre 2012, 10:17 m.

Ciss Cusio, la nuova legge fa terminare il commissariamento

Eletto Presidente il sindaco di Omegna, Maria Adelaide Mellano

OMEGNA - Torna a esistere il Consorzio dei Servizi Sociali. Il Ciss Cusio si “riabilita” a ente effettivo e abbandona la veste di “ente commissariato” in attesa di mutamento in altro non ben definito. La notizia si è resa ufficiale nell'ambito dell'assemblea consortile svoltasi martedì nella sede di via Cattaneo. Circa venti i sindaci presenti all'incontro, cui ha preso parte anche il direttore Angelo Barbaglia e il commissario, già presidente, Augusto Quaretta. «Questa sera sono davvero soddisfatto - ha detto al termine dell'incontro - Per un semplice motivo. Tutti noi qui presenti abbiamo fatto il nostro dovere fino in fondo». A un anno dalla notizia del frazionamento in un non meglio definito futuro, il Ciss Cusio può dire di aver lasciato «l'Inferno», come ha detto Quaretta, e di essere approdato nel «Purgatorio». Il destino volle che questo ente, come pochi altri, dovesse aprire la strada della “messa in liquidazione” con un futuro incerto che non dava spiragli di salvezza. Poi l'emendamento - a firma di Valter Zanetta, senatore ossolano, che venne costruito proprio sulle rive del lago, come ha ricordato Quaretta - contribuì a cambiare le sorti. Anche un parere legale confermò che i Consorzi possono continuare a esistere. Da qui la conferma della notizia a livello istituzionale. A fine ottobre si potrà conoscere il nuovo direttivo del Ciss; i sindaci hanno tempo fino a metà mese (intorno al 20 ottobre) per approvare la delibera di liquidazione dell'ente che si scollerà l'antipatica etichetta di “ente in liquidazione” e potrà presentare nuovi progetti e cercare nuovi finanziamenti. In attesa di annunciarne di nuovi, si conferma che, anche grazie alla Fondazione Comunitaria, potrà riprendere a funzionare, sebbene a regime ridotto rispetto a prima, l'appartamento gestito da persone con disabilità in Omegna. A marzo 2012 venne chiuso in conseguenza all'annuncio della liquidazione. Anche se i tempi non sono tra i più floridi, il sindaco di Omegna, nominato presidente dell'assemblea consortile come il suo predecessore Antonio Quaretta, ha rivolto un appello ai colleghi sindaci. Ha chiesto di non dimenticarsi mai di questo ente e di ciò che fa per chi ne usufruisce.

Luisa Paonessa

Articolo di: giovedì, 20 settembre 2012, 10:17 m.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top