Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
Articolo di: giovedì, 04 ottobre 2012, 9:25 m.

Code alla nuova "Casa dell'acqua" di Borgomanero

Piace il distributore pubblico, inaugurato sabato scorso

BORGOMANERO - Liscia o gassata il prezzo è sempre lo stesso: solo sei centesimi al litro, di gran lunga inferiore a quanto viene normalmente richiesto per una bottiglia di acqua minerale, naturale o frizzante che sia. A Borgomanero risparmiare si può. Questo grazie alla “Casa dell’acqua” collocata tra l’allea e l’ex mensa sociale di piazza XXV Aprile. L’impianto realizzato dalla “Giesse rappresentanze” di Moncalieri grazie ad una convenzione siglata dal Comune con “Acqua Novara Vco Spa” è stato inaugurato sabato mattina dal sindaco Anna Tinivella e dal presidente di “Acqua Spa” ingegner Alessandro Poletti. È venuto a costare 40mila euro ma neppure un centesimo risulta essere a carico del Comune che dall’erogazione dell’acqua riceverà addirittura a titolo di rimborso per le spese sostenute per la realizzazione della “piattaforma” su cui poggia la “Casa dell’Acqua” e per il consumo dell’energia elettrica necessaria al funzionamento dell’impianto, un centesimo per ogni litro. Funzionerà giorno e notte senza alcuna interruzione nelle festività. «I cittadini – ha spiegato Poletti – potranno riempire bottiglie e contenitori propri selezionando l’erogazione di 1 – 1,5 – 2 litri per volta il cui valore sarà scaricato da tessere prepagate (disegnate dall’architetto borgomanerese Mauro Borzini, ndr) acquistabili al prezzo unitario di 6 euro inizialmente presso gli uffici di Acqua Spa in via Loreto e successivamente in Comune e negli esercizi commerciali del centro storico che decideranno di sostenere l’iniziativa. Si tratta – ha aggiunto Poletti – del primo impianto del genere che viene installato in provincia di Novara. Altri sono stati previsti a Novara città, Bolzano Novarese, Briga, Veruno, Maggiora, Varallo Pombia, Briona e Biandrate». Dopo il taglio del nastro per tutta la giornata di sabato e anche domenica l’erogazione è stata gratuita. Molti borgomaneresi hanno approfittato di questa opportunità anche per degustare un’acqua che, lo provano le analisi organolettiche effettuate, è di ottima qualità.

Carlo Panizza

Articolo di: giovedì, 04 ottobre 2012, 9:25 m.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top