Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: giovedì, 10 maggio 2012, 3:52 p.

Comune di Ghemme: il giallo degli esuberi

Il sindacato chiede chiarezza riguardo alla vicenda di 5 dipendenti comunali

GHEMME - I 5 dipendenti del Comune di Ghemme che risultavano in esubero rischiano o no la mobilità? E' la domanda che si pone il sindacato Fp Cgil di Novara dopo l'incontro avvenuto questa settimana in Municipio con il segretario comunale della città del vino. La notizia dell'avvio di una procedura di messa in mobilità del personale era trapelata dopo la ricognizone dell'organico del Comune di Ghemme che a fine marzo aveva individuato 5 lavoratori in eccedenza. "Ci è stato spiegato che un'altra delibera di Giunta ha rettificato la precedente, specificando che non si si approvava più la ricognizione del personale, ma la si adottava semplicemente e che questo significa che che in realtà non è stato ancora dichiarato alcun esubero" spiega Fp Cgil in un comunicato. Da qui però le domande: "Ma allora perché ai dipendenti è stata formalmente comunicata la dichiarazione del loro posto come eccedente? E se non è stata ancora approvata alcuna ricognizione della dotazione organica, com’è stato possibile per il Comune assumere nel frattempo un responsabile tecnico, essendo questo esplicitamente vietato dalla legge?". Domande a cui i sindacati ora chiedono risposta insieme all'ultimo più importante interrogativo: "Quando potremo sapere che cosa ha davvero in mente l’Amministrazione?". E  della questione mobilità vorrà presto parlare anche la minoranza in consiglio comunale a Ghemme che ha annunciato a breve un suo intervento sull'argomento.

Lucia Panagini

Articolo di: giovedì, 10 maggio 2012, 3:52 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top