Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 16 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 30 aprile 2012, 8:46 p.

Conclusi i primi stage del progetto “Ridare Speranza”

Coinvolte anche alcune aziende di Borgomanerese e Bassa Sesia

BORGOMANERO - Si è concluso in questi giorni, con la consegna degli attestati ai partecipanti, il progetto “Ridare speranza” realizzato dalla Provincia su inputo dell’Associazione Novaresi dell’Anno. Tra le aziende che hanno ospitato i giovani, selezionati dall’Associazione Industriali di Novara, c’erano anche diverse realtà dell’alto novarese: Algodue di Fontaneto d’Agogna, Ponti Spa di Ghemme, Kimberly Clark di Romagnano Sesia, Cavanna di Prato Sesia e Fratelli Francoli di Ghemme. Queste imprese, come altre di Novara e provincia, hanno attivato  40 tirocini formativi retribuiti, ognuno della durata di 6 mesi, con un una borsa lavoro di 700 euro mensili.
Nel suo complesso, il progetto è stato finanziato con 180 mila Euro, tra fondi Regionali, Provinciali e contributi dalle Fondazioni Banca Popolare di Novara per il Territorio, De Agostini, e della Comunità del Novarese Onlus; nonché grazie al sostegno diretto da parte delle aziende coinvolte.
Ridare Speranza ha contribuito alla creazione di un percorso formativo di eccellenza, offrendo concrete chance occupazionali a giovani che si sono laureati presso le facoltà del Piemonte Orientale. “Abbiamo scelto di indirizzare, sin dall’inizio del mandato, le Politiche giovanili sul tema dell’occupabilità – ha commentato l’Assessore competente, Alessandro Canelli - sostenendo e promuovendo varie iniziative”. Il dato più importante è però ch per il 15% dei ragazzi che hanno partecipato al progetto, lo stage si è trasformato in un  vero contratto di lavoro.

Lucia Panagini

Articolo di: lunedì, 30 aprile 2012, 8:46 p.
^ Top