Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 16 dicembre 2017
Articolo di: domenica, 29 gennaio 2012, 1:04 m.

Concluso con successo il progetto “Work à Porter”

Formazione d’eccellenza per i giovani del Novarese

BORGOMANERO - Si è concluso con esiti molto positivi il progetto “Work à Porter. Formazione d’eccellenza a misura di lavoro” finanziato dalla Provincia di Novara nell’ambito del bando APQ 2011 asse “Lavoro e occupabilità giovanile”. Il progetto è nato dall’esperienza maturata dal capofila, l’Istituto Tecnico Leonardo da Vinci di Borgomanero, negli ultimi cinque anni. Obiettivo: sviluppare nei giovani partecipanti l’abilità nell'operare in ambienti in continuo cambiamento, la capacita di prendere decisioni e assumersi responsabilità, partecipare al lavoro organizzato e di gruppo, aggiornare le conoscenze. Il tutto per potersi inserire con più facilità e preparazione nel difficile mondo del lavoro. 

Come spiegano i responsabili in una nota “il progetto si è sviluppato su quattro azioni: sviluppo di competenze certificate, seminari didattici per le classi della scuola secondaria di secondo grado, allestimento di un laboratorio didattico multimediale; promozione digitale partecipata.

Le quattro azioni avevano come destinatari diretti i giovani dai 15 ai 30 anni residenti in Provincia di Novara, non necessariamente disoccupati, e come destinatari indiretti i giovani del territorio che negli anni futuri usufruiranno del laboratorio automatico-multimediale innovativo allestito presso l’Istituto Tecnico Da Vinci di Borgomanero. 

La prima azione realizzata e stata quella relativa alla promozione digitale partecipata, che ha visto il diretto coinvolgimento volontario dei giovani, in collaborazione con l’Informagiovani del Comune di Borgomanero, nelle attività di promozione, diffusione e rielaborazione del progetto (creazione del sito web, del materiale divulgativo, del logo e della mailing list del progetto).

A partire dal mese di settembre 2011, con la riapertura dell’anno scolastico, si sono avviate le iniziative seminariali rivolte alle scuole. L’offerta progettuale copriva tre aree (psicoattitudinale, cittadinanza attiva, abilita extrascolastiche) con diversi seminari ognuna, oltre a conferenze, dibattiti, cineforum e lezioni teatrali che hanno visto la partecipazione di numerosi gruppi classe delle scuole secondarie di secondo grado di Arona, Borgomanero e Gozzano, con una buona adesione a tutte le iniziative proposte da parte delle scuole invitate.

Lo sviluppo delle competenze certificate e stato realizzato attraverso la creazione di percorsi formativi di eccellenza certificati e aperti a diplomandi, diplomati, laureandi e laureati novaresi e stato avviato nel mese di ottobre 2011 con l’apertura di corsi di alta specializzazione nell’area linguistica (certificazione PET e lingua russa), dei corsi Laboratorio per nuove idee imprenditoriali e Corso di approccio al mondo del lavoro.

Infine, l’azione più impegnativa e stata l’allestimento di un laboratorio didattico multimediale avanzato, nel quale si sono svolte le attività di formazione tecnica specialistica, che permetterà, in futuro, di proseguire nell’opera di aggiornamento del mondo scolastico al mondo del lavoro, in quanto non è stato pensato solo per la realizzazione del progetto Work à porter, ma rimarrà patrimonio del territorio per lo sviluppo di competenze trasversali di carattere tecnico, grafico e digitale negli studenti per gli anni futuri e anche per corsi di formazione per neodocenti e non occupati, generalmente offerti dall’ente proponente e destinati a giovani del Novarese”.

Hanno partecipato al progetto oltre al capofila i Comuni (Arona, Borgomanero, Gargallo, Gattico), la ditta Giacomini e le associazioni culturali Noi Giovani di Gattico e Don’t Cross The Line di Novara. “Altre iniziative ancora, nate in seno al progetto stesso saranno da realizzare in futuro – concludono i responsabili - come la certificazione delle competenze: ci si augura quindi che la rete di lavoro realizzata possa continuare a collaborare in futuro per i giovani del territorio”.

Redazione online 

Articolo di: domenica, 29 gennaio 2012, 1:04 m.
^ Top