Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 23 gennaio 2018
Articolo di: martedì, 26 giugno 2012, 4:01 p.

Continua la confusione sull’Arona-Santhià

I pendolari raccontano: “L’abbonamento Torino-Gattinara da 103 a 160 euro”

Un mese di viaggio da Torino a Gattinara rischia di non costare più 103 euro, ma ben 160 euro. Nessun aumento di tariffe, solo la confusione causata dal passaggio dai treni agli autobus sostitutivi sull’Arona-Santhià che sta provocando disagi nell’emissione degli abbonamenti mensili. A denunciarlo sono i pendolari alle prese con il rinnovo dei titoli di viaggio per luglio: “A Torino Porta Susa ci è stato consigliato di acquistare un abbonamento Trenitalia Torino - Santhià (con costo maggiorato a causa del servizio bus urbano in Torino “Formula” che assolutamente non ci interessa) e un abbonamento Atap Santhià - Gattinara, peccato che questo decorra dal 15 del mese. Quindi avremmo dovuto acquistare anche ben 2 settimanali Atap (dal 01 al 15) per un totale di circa 160 euro”. Una soluzione è stata trovata dalla biglietteria di Santhià, che ha fornito ai pendolari un abbonamento chilometrico al costo di 103 euro (la stessa cifra di quando si viaggiava sui treni sull’Arona-Santhià). “Peccato che – continuano i pendolari - la stazione di Santhià ha solo 10 abbonamenti chilometrici che avevano recuperato tra le loro giacenze. Come faranno quando saranno terminati?”. Di certo è che sempre più viaggiatori stanno abbandonando il servizio preferendo tratte alternative oppure l’auto. “Altro problema è la mancanza di comunicazione tra autisti dei bus Atap e l'Ufficio Movimenti della Stazione di Santhià. Ad esempio, ieri un treno proveniente da Torino è arrivato a Santhià alle 17.41 (8 minuti di ritardo) e il bus è partito in perfetto orario alle 17.40 senza attendere neanche un minuto – conclude il comunicato dei pendolari - A nostro avviso posto che si tratta di un servizio sostitutivo, dovrebbe essere d'obbligo controllare la puntualità dei treni da Torino e Milano  al fine di capire se poter attendere, entro i 10 minuti, i passeggeri”.

Lucia Panagini

Articolo di: martedì, 26 giugno 2012, 4:01 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top