Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 22 gennaio 2018
Articolo di: mercoledì, 11 aprile 2012, 4:36 p.

Crisi: oltre 1600 cercano di ricollocarsi con Enaip

Più di 500 provengono dalle grandi aziende di borgomanerese e Bassa Sesia

Quasi un terzo delle persone coinvolte nel progetto Crisi della Provincia di Novara provengono dalle grandi aziende del borgomanerese e della Bassa Sesia. Lo dicono i dati di Enaip Piemonte, capofila del progetto, che fa il punto sul programma avviato nel 2010 e portato avanti da diverse agenzie di formazione. Al progetto iniziale, finalizzato alla formazione e alla ricollocazione di soggetti in cassa integrazione in deroga e in mobilità, nel corso del 2011 si sono aggiunti collaboratori a progetto e persone iscritte da due anni alle liste di disoccupazione. In totale più di 1600 sono stati coinvolti nel progetto in tutta la Provincia. Tre i momenti formativi in programma: l'orientamento (strutturato in differenti tipi di attività durante le quali sono individuati i bisogni del lavoratore); la formazione vera e propria: in gruppi di massimo 14 persone; un percorso di ricollocazione con un consulente incaricato di analizzare la situazione del lavoratore e indirizzarlo nella ricerca di impiego. Durante il 2011 hanno partecipato attivamente alla formazione oltre 1400 persone. Moltissime provenivano dalle grandi aziende in crisi della Provincia, in particolare oltre 500 erano impiegati in aziende storiche del borgomanerese e della Bassa Sesia. Hanno infatti preso parte al progetto 130 lavoratori di Bmi e 113 lavoratori di Fdg (i due tronconi dell'ex Bemberg di Gozzano), 62 lavoratori della Crespi, 201 della Filatura di Grignasco-Knits, 59 della Sitindustrie di Prato Sesia.

Lucia Panagini

Articolo di: mercoledì, 11 aprile 2012, 4:36 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top