Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 23 gennaio 2018
Articolo di: sabato, 12 novembre 2011, 1:06 p.

Donna aggredita e scippata sotto casa a Borgomanero

Ladri in azione in una villetta di via Arona e al supermercato Esselunga

BORGOMANERO - È ancora la cronaca nera, dopo una settimana di furti e rapine a tenere banco in città. È di qualche giorno fa la notizia che la moglie di un noto imprenditore locale, R.B., 68 anni, è stata brutalmente aggredita e scippata mentre stava rincasando.

È la stessa donna a raccontarci la brutta avventura. «Erano quasi le sette di sera - ci ha detto - e a piedi sotto la pioggia stavo percorrendo via Cornice quando, arrivata nelle vicinanze della mia abitazione, mi sono fermata per prendere le chiavi di casa. Qualcuno mi ha dato una spinta cercando di impossessarsi della borsa che avevo al braccio. Di scatto mi sono voltata e ho notato una ragazza sui vent’anni con in testa una cuffia parzialmente calata sulla fronte. Con tutte le mie forze ho cercato di divincolarmi. È stato però tutto inutile. Sono stata trascinata a terra per diversi metri».

Cadendo sull’asfalto bagnato la donna si è procurata ecchimosi e contusioni in più parti del corpo. A soccorrerla sono stati alcuni passanti che l’hanno accompagnata al pronto soccorso dell’Ospedale Ss. Trinità dove è stata medicata.

Martedì pomeriggio i ladri hanno invece fatto visita ad una villetta in via Arona. Alle 17,15 il proprietario, un libero professionista, era uscito di casa in compagnia della moglie e della nipotina. Quando la coppia è rincasata poco prima delle 18,30 ha trovato l’alloggio completamente a soqquadro. I ladri dopo aver rovistato in tutti i locali si sono portati via un pesante armadio blindato dove il libero professionista custodiva due fucili da caccia e due pistole regolarmente denunciate.

L’ultimo episodio criminoso risale invece a giovedì mattina. Ad essere presa di mira una donna di 67 anni, ex commerciante in pensione residente a Orta San Giulio. La pensionata aveva parcheggiato la propria utilitaria nel parcheggio interrato del supermercato “Esselunga” in viale Kennedy. Fatta la spesa la donna è risalita in auto quando è stata avvicinata da una ragazza di bell’aspetto. «Guardi –le avrebbe detto – che ha perso delle monetine». Una scusa per far uscire la pensionata dall’abitacolo e portarle via con grande destrezza la borsa.

Carlo Panizza

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

[foto: via Cornice a Borgomanero] 

Articolo di: sabato, 12 novembre 2011, 1:06 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top