Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 22 gennaio 2018
Articolo di: domenica, 04 novembre 2012, 5:34 p.

Due nuovi sacerdoti a Borgomanero

La nomina del vescovo comunicata durante le Messe

BORGOMANERO - Turnover in vista alla Parrocchia di San Bartolomeo di Borgomanero nell’ambito della riorganizzazione della Diocesi voluta dal nuovo Vescovo di Novara monsignor Franco Giulio Brambilla. Sono infatti in partenza due “coadiutori” del prevosto don Piero Cerutti, don Antonio Oldani e don Dismas Harabarishize. Lo ha annunciato oggi domenica lo stesso don Piero poco prima della messa delle 10 dando lettura del messaggio inviato dal Vicario generale della Diocesi don Fausto Cossalter. Don Antonio Oldani è stato assegnato alla Parrocchia di Arona in veste di “coadiutore” mentre don Dismas sarà alle dirette dipendenze del Vicario Territoriale di Borgomanero don Fiorenzo Fornara Erbetta e dovrà svolgere il suo ministero sacerdotale in aiuto alle parrocchie di Revislate, Cressa e Bogogno oltre ad occuparsi investe di “cappellano” della Clinica “Fondazione Maugeri” di Veruno. Alla Parrocchia di San Bartolomeo il Vescovo ha assegnato due altri sacerdoti: don Antimo Okee Ntugu Eyenga, 39 anni originario della Guinea Equatoriale, dal 2010 Assistente ecclesiastico del Movimento Apostolico Sordi (Mas) in sostituzione del defunto monsignor Giuliano Ruga, nonché coadiutore presso la Parrocchia di Santa Rita a Novara; e don Giuseppe Pastore, 60 anni, originario come don Piero Cerutti della frazione borgomanerese di San Marco con una lunga esperienza pastorale svolta nelle parrocchie di Grignasco, Sovazza, Coiromonte e Nonio. Nella foto, don Antimo Okee Ntugu Eyenga in un’immagine di repertorio assieme ad Ottavio Casalucci, Presidente del Movimento apostolico sordi della Diocesi di Novara e monsignor Giuliano Ruga.

Carlo Panizza

Articolo di: domenica, 04 novembre 2012, 5:34 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top