Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 24 settembre 2012, 10:02 m.

Emergenza casa ad Omegna

Oltre 200 le richieste di abitazioni al Comune e aumentano gli sfratti

OMEGNA - L'emergenza abitativa esplode anche ad Omegna. E' il vicesindaco Christian Scatamacchia a darne notizia in coda al bando comunale, esposto all'albo Pretorio, che scadrà il prossimo 9 novembre. Non c'è l'intenzione, da parte del Comune, di illudere nessuno anche perché la mancanza di appartamenti è sotto gli occhi di tutti. Circa trenta alloggi avrebbero dovuto essere terminati nell'ex Pretura. Altrettanti (o poco meno) nell'ex Istituto San Giuseppe a Gravellona. In un caso è fallita l'impresa ma a questo si aggiungono la mancanza di fondi per proseguire con i lavori. Gli aiuti regionali non sono stati più erogati da anni e Scatamacchia sta cercando, spulciando tra i vari documenti, se qualche appartamento si aggiunga a quelli disponibili. «E' un controllo che so non darà risultati eclatanti - ha detto il vicesindaco, che assieme all'Atc sta valutando eventuali alloggi rimasti fuori dal conteggio - Purtroppo le richieste salgono a 200 e la disponibilità è limitata. Nell'ultimo bando vi erano 160 domande. Solo trenta di quelle richieste sono state evase. Ho saputo che sono aumentati gli sfratti esecutivi; la situazione non è certo rosea». L'attenzione all'argomento e l'interesse verso la ricerca di una soluzione è stata applaudita dal consigliere Luigi Songa, capogruppo del Pdl che, parlando a nome della propria compagine politica, ha commentato così la notizia: «Prendiamo atto con fiducia che finalmente si passi da un approccio ideologico a uno sguardo alla realtà, quando sentiamo che anche da parte di Rifondazione Comunista (partito a cui appartiene Scatamacchia) si ragiona in termini di apertura alla collaborazione con il privato. Non possiamo che esserne soddisfatti segnalando come già da alcuni decenni in realtà, come la vicina Lombardia, quello del "Housing sociale" in termini abitativi e di edilizia convenzionata sia un percorso serio e utile e che affronta con concretezza la questione della casa». Sull'argomento emergenza abitativa si discuterà in sede di Consiglio Comunale il prossimo venerdì 28 settembre.

Luisa Paonessa

Articolo di: lunedì, 24 settembre 2012, 10:02 m.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top