Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 12 agosto 2011, 1:47 p.

Fiamme Gialle di Omegna scoprono truffa sui mutui ipotecari

Otto, complessivamente, le persone denunciate a piede libero

CUSIO - Sono terminate le indagini iniziate nel gennaio 2009, eseguite dalla Tenenza di Omegna della Guardia di Finanza unitamente alla sezione di Polizia Giudiziaria dei Carabinieri presso la Procura della Repubblica di Verbania e coordinate dal pm Nicola Mezzina, riguardanti l’erogazione di mutui ipotecari a favore di persone non aventi i titoli e i requisiti previsti, che, "attraverso un articolato sistema fraudolento - come spiega la Finanza in un comunicato - usando documentazione falsificata, hanno ottenuto l’erogazione da parte di un noto istituto bancario di mutui per l’acquisto di immobili per quasi un milione di euro".

Le indagini svolte hanno permesso di svelare la grossa truffa e i meccanismi posti in essere da parte degli indagati al fine di ottenere l’erogazione di denaro da parte dell’istituto di credito. "Intermediari finanziari, dopo aver individuato immobili di scarso valore posti in vendita nella zona di Pella, Fontaneto d’Agogna e Boca, nel Novarese - prosegue la Finanza - e dopo avere ottenuto una supervalutazione degli immobili da parte di tecnici, per conto di “prestanome”, dei quali alcuni pregiudicati già noti alle forze dell’ordine, presentavano a una filiale di un istituto di Casale Corte Cerro, richiesta di erogazione di mutuo per l’acquisto dei sopra citati immobili al valore indicato nelle perizie valutative, che risultava ammontare a quasi il doppio del valore reale degli immobili. Al fine di ottenere l’erogazione delle somme richieste, i “prestanome” presentavano presso la filiale dell’istituto di credito, a garanzia della propria solvibilità, documentazione falsa, quali buste paga e contratti di assunzione presso ignari datori di lavoro e, dopo aver saldato le prime rate del mutuo, si rendevano morosi".

"Il sodalizio criminoso - spiega ancora il comunicato delle Fiamme Gialle - si appropriava, quindi, delle somme di denaro eccedenti l’effettivo corrispettivo degli immobili acquistati, ammontante a diverse centinaia di migliaia di euro. Dopo un primo rilevante finanziamento, fatto ottenere a soggetti presentati come clienti affidabili grazie a imprenditori/faccendieri compiacenti, che fornivano la falsa documentazione che ne attestava la solvibilità, seguivano diversi tentativi di conseguire ulteriori crediti per l’acquisto di beni mobili oltre che a percepire parte dei mutui ottenuti dai “clienti” portati in banca. Il gruppo si è così avvantaggiato di ingenti somme di denaro contante, mentre i prestanome, ricevevano piccole ricompense. Dopo alcuni mesi “i prestanome” che risultavano dipendenti di aziende riconducibili agli indagati, venivano licenziati, o si è scoperto che i documenti presentati in banca erano stati falsificati (buste paga, contratti di assunzione, ecc.)".

Otto, complessivamente, le persone denunciate a piede libero, "tra cui - evidenzia il comunicato del comandante provinciale del Vco, Pasquale Petrosino - un direttore di filiale dell’istituto bancario, per i reati di concorso in truffa aggravata, falso in scrittura privata e falsità ideologica commessa in atti pubblici". Dei fatti sopra esposti è già stato formulato e notificato avviso di chiusura di indagini dal pm Mezzina alle parti e ai difensori degli indagati.

Monica Curino

Articolo di: venerdì, 12 agosto 2011, 1:47 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top