Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 18 febbraio 2018
Articolo di: martedì, 01 novembre 2011, 8:08 m.

Filo diretto con il Comune di Omegna, c’è il totem

L’informatizzazione cresce: cittadini sempre più “autonomi” per i servizi

OMEGNA - L’informatizzazione in Comune cresce in modo esponenziale grazie anche al “totem”. A Palazzo di città da qualche giorno c’è uno strumento nuovo per poter accedere più velocemente ai servizi internet già presenti sul sito del Comune. Si tratta di un totem, una postazione verticale con touch screen, ovvero con schermo tattile, in grado di poter aprire tutte le finestre che si “affacciano” all’albo pretorio piuttosto che alla modulistica messa a disposizione dai vari uffici. Una novità collocata nell’angolo del secondo piano, nell’area attigua all’ufficio segreteria del sindaco, che presto sarà dotata di stampante, per rispondere alle esigenze del cittadino. Presente anche una tastiera, per completare i documenti che appaiono sul video e per dare giudizi sui servizi attraverso la funzione “Mettiamoci la faccia”, la modalità informatica con cui ogni cittadino può giudicare l’operato dei servizi pubblici, utilizzando tre piccole “faccine” colorate; il verde approva, il giallo esprime un voto sufficiente mentre il con il rosso si dà un giudizio negativo. «Nessun anonimato ma giudizi espressi con nome e cognome, spediti direttamente alle mail dei vari uffici da cui poi scaturirà una statistica di risultati, a disposizione del pubblico», come ha precisato l’assessore all’Informatizzazione, Luigi Songa. Il totem è dotato di una fessura per l’inserimento di carte elettromagnetiche. «Con la carta d’identità o il codice fiscale un domani si potrà stampare documenti personali - hanno precisato Mauro Rossi e Massimo Anchisi, dipendenti dell’ufficio informatica Ced - Ma per ora la funzione non è ancora attiva».

Luisa Paonessa

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

 

Articolo di: martedì, 01 novembre 2011, 8:08 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top