Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: martedì, 08 maggio 2012, 5:23 p.

Ghemme: arriva il risarcimento per Valsesia Biomasse

Al via la distribuzione degli assegni ai cittadini che avevano fatto causa per gli odori molesti

GHEMME - La vicenda Valsesia Biomasse potrebbe essere davvero ai titoli di coda. In Comune a Ghemme infatti verranno erogati stasera gli assegni alle 54 persone che avevano fatto causa per gli odori molesti in paese alla fine degli anni '90. La vicenda legale è stata particolarmente intricata: la causa originaria si era conclusa con la condanna dell'azienda a pagare 900 euro per ciascuno ricorrente, oltre alle spese legali. "Non appena depositata la sentenza - riassume Davide Brusotti, promotore della causa - apprendemmo però che Valsesia Biomasse aveva ceduto il suo unico bene, il terreno su cui sorgeva l'impianto, ad una nuova società, l'Agricola Fortuna. Essa però era amministrata anche da alcuni dei vecchi soci di Valsesia Biomasse, che quindi non potevano non sapere della causa". Partì così un nuovo procedimento penale che ha portato alla revoca dell'atto di vendita da parte del Tribunale di Borgomanero allo scopo di pagare i creditori. Si arriva così a qualche settimana fa quando Agricola Fortuna, la società che aveva comprato il terreno, ha infine proposto di pagare di tasca sua 39 mila euro, per le spese legali, di registrazione e per il risarcimento ai cittadini. "Vista la difficoltà di reperire altrettanto denaro, cominciando le procedure di vendita all'asta del terreno, abbiamo deciso di accettare" spiega ancora Davide Brusotti. Tolte quindi le spese e gli anticipi, ai 54 ricorrenti rimangono 163 euro circa a testa. Risarcimento che potranno finalmente ritirare stasera in Comune a Ghemme.

Lucia Panagini

Articolo di: martedì, 08 maggio 2012, 5:23 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top