Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 01 aprile 2011, 12:00 m.

Ghemme, stop al compattatore: «Troppi problemi»

Fermata la proposta del gruppo di minoranza

GHEMME - Il compattatore torna a far discutere il Consiglio comunale. Mercoledì sera, l’Amministrazione comunale ha stoppato la proposta del gruppo di minoranza “Viva Ghemme viva” in merito alla realizzazione di un compattatore di rifiuti perché la questione risulta essere più complessa del previsto.  Il Comune ha infatti ricevuto una lettera dal Consorzio per la gestione dei rifiuti del Medio Novarese, in cui si legge che realizzare una struttura di quel tipo è molto più problematico di quanto si pensasse.

«Non possiamo approvare l’iniziativa – ha commentato il sindaco Alfredo Corazza – perché il Consorzio ha rilevato una serie di problematiche, tra cui un eventuale rimborso da parte di questo Comune, stimato in 300 euro, a ristoro di una perdita di incassi da parte dell’azienda. Inoltre, questo compattatore tratterebbe dei rifiuti e del relativo stoccaggio e la movimentazione verrebbe fatta all’interno del centro storico, con conseguenti problemi di fermata e raccolta del rifiuto con mezzi adeguati. Rispetto agli introiti dichiarati dal gruppo consigliare “Viva Ghemme Viva”, poi, non vi è nessuna quantificazione o certezza, specie per l’esposizione della maggiore spesa di cui il Comune dovrebbe farsi carico. Ad ogni modo, l’Amministrazione comunale si riserva di verificare la possibilità di rivedere il contratto tra Consorzio e Corepla a finanziamento della spesa aggiuntiva, che attualmente non trova finanziamento sul bilancio di previsione 2011».

Intenzione dell’Amministrazione comunale è inoltre quella di valutare altre possibili aree idonee nella periferia del paese, dove poter eventualmente installare il compattatore in questione.

All’ordine del giorno c’erano anche l’approvazione del nuovo regolamento per l’istituzione e la disciplina del mercato biologico e di quello agricolo; l’approvazione delle fiere e delle sagre in Ghemme; la conferma degli organi collegiali; l’approvazione del programma per l’affidamento a soggetti esterni all’amministrazione degli incarichi di studio, ricerca, consulenza e collaborazione per l’anno 2011; la vertenza tra due cittadini ghemmesi riguardo ad un immobile.

v.m.

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: giovedì, 31 marzo 2011, 7:27 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top