Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 18 novembre 2017
Articolo di: venerdì, 03 febbraio 2012, 6:07 p.

Giornata mondiale del Rene: l’Asl No nelle piazze con la Cri per la prevenzione

Controlli gratuiti il 5, 6 e 9 marzo a Oleggio, Arona e Borgomanero

BORGOMANERO - Anche quest’anno, in occasione della Giornata Mondiale del Rene, la Struttura Complessa di Nefrologia dell’Asl No dell’Ospedale SS Trinità di Borgomanero ,  in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, il Laboratorio Analisi Asl No e l’Associazione Pronefropatici “Fiorenzo Alliata” e con il sostegno della Fondazione della Comunità del Novarese e della Fondazione della Banca Popolare di Novara per il Territorio, sarà presente nelle principali piazze del novarese  per sensibilizzare e informare la popolazione sull’importanza della prevenzione delle malattie renali.

Oggi la prevenzione rappresenta uno dei percorsi più importanti a disposizione per ridurre i rischi di malattie renali e cardiovascolari. In quest’ottica la Struttura di Nefrologia dell’Asl  No, insieme a una postazione Cri, con personale medico e infermieristico sarà a disposizione delle persone  per fornire informazioni circa i programmi di prevenzione delle malattie renali e per effettuare gratuitamente il controllo della pressione arteriosa, calcolare l’indice di massa corporea ed eseguire un valutazione della funzione renale attraverso un prelievo del sangue, dalle 9 alle 12.30 nei giorni:  5 marzo a Oleggio in piazza Martiri, 6 marzo ad Arona in corso Repubblica, 9 marzo  a Borgomanero in piazza Martiri.

“L’attenzione nei confronti delle malattie renali - afferma il  dottor Stefano Cusinato, direttore della Struttura - è dettata dall’esigenza di prevenire il danno renale o rallentare l’evoluzione verso l’insufficienza renale cronica terminale e ridurre il rischio cardiovascolare, che aumenta sensibilmente già in presenza di un’insufficienza renale lieve. Vi sono dei fattori di rischio che non sono modificabili e su cui nulla si può fare; conosciamo tuttavia dei fattori di rischio legati al nostro stile di vita su cui ognuno di noi può agire. Il controllo periodico della pressione arteriosa, dei valori di glicemia, colesterolo, creatinemia e l’esame delle urine sono azioni semplici ma di fondamentale importanza che consentono di correggere tempestivamente  i rischi legati alle malattie renali e cardiovascolari. Naturalmente tutto questo deve essere accompagnato da corretti stili di vita che passano dall’astensione dal fumo, ad una regolare attività fisica e  ad una alimentazione tipicamente mediterranea. La Struttura Complessa di Nefrologia – prosegue - segue circa 110 pazienti in emodialisi, suddivisi nei Centri di Borgomanero, Arona ed Oleggio, e 10 pazienti in dialisi peritoneale. L’Ambulatorio post-trapianto renale segue 112 pazienti trapiantati; tra questi vi sono 10 pazienti  che hanno ricevuto un trapianto da vivente (fratello, padre, madre) di cui 5 hanno eseguito il trapianto prima di iniziare il trattamento dialitico. Inoltre numerosissimi sono i pazienti seguiti nell’ambulatorio di uremia e patologia glomerulare che presentano una insufficienza renale di vario grado”.

Redazione online

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato 

Articolo di: venerdì, 03 febbraio 2012, 6:07 p.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top