Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 19 novembre 2017
Articolo di: giovedì, 06 dicembre 2012, 1:24 p.

I Club di Borgomanero danno un aiuto… di cuore

3500 euro per i bambini affetti da cardiopatie congenite

BORGOMANERO – Ogni anno nel mondo un milione di bambini nascono affetti da cardiopatie congenite ma solo duecentomila di loro hanno accesso a cure adeguate. I restanti ottocentomila non hanno alcuna speranza perché hanno avuto la sfortuna di nascere in Paesi poveri, privi di medici, infermieri, tecnici e strutture ospedaliere adeguate. Lo ha detto martedì sera al Ristorante “Tre stelle” di Briga Novarese intervenendo all’intermeeting organizzato dal Rotary Club Borgomanero – Arona presieduto da Bruno Bissoli e al quale hanno aderito il Rotary Club Orta San Giulio e Pallanza-Stresa e i Lions Club Arona-Stresa e Omegna, Claudia Florio, regista, presidente di “European Heart For Children” Fondazione umanitaria facente parte della Società Europea di Cardiologia (ESC) organismo con 65.000 medici cardiologi operanti in 53 Paesi dell’Europa e dell’area del Mediterraneo.
Presidente è il professor Roberto Ferrari, Direttore della Clinica cardiologica dell’Università di Ferrara, marito della signora Florio anche lui ospite della serata.
“Quando mio marito è stato eletto presidente della Società di cardiologia – ha detto Florio– mi sono resa conto che la Società non aveva avviato adeguati programmi per il trattamento dei bambini con cardiopatie congenite. Così ho deciso di proporre la mia idea per avviare un progetto di intervento umanitario che è stato approvato dal Comitato scientifico”.
L’attività di “European heart for children” inizialmente avviata grazie alla preziosa collaborazione di “Bambini cardiopatici nel mondo”, associazione diretta dal professor Alessandro Frigiola, primario del Policlinico San Donato di Milano, si è sviluppata in Paesi da tempo afflitti da guerre e lotte intestine come la Siria, l’Egitto e l’Iraq dove centinaia di bambini sono stati operati da medici volontari.
Ma il progetto, come ha spiegato il professor Ferrari rischia di naufragare se non viene sostenuto continuamente con risorse adeguate. I fondi raccolti vengono spesso utilizzati per costruire nuovi ospedali o per ristrutturare strutture sanitarie fatiscenti, per l’acquisto di apparecchiature sanitarie e di farmaci ma anche per finanziare borse di studio per formare medici cardiologi e cardiochirurghi che nei loro Paesi d’origine siano poi in grado di affrontare i problemi che affliggono un sempre maggior numero di bambini. Al termine della serata i Presidenti dei clubs (nella foto di Panizza) hanno consegnato ai coniugi Ferrari un assegno di 3.500 euro a sostegno dell’importante progetto umanitario.

Carlo Panizza

Articolo di: giovedì, 06 dicembre 2012, 1:24 p.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top