Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 16 dicembre 2017
Articolo di: sabato, 22 ottobre 2011, 2:37 p.

I rischi del fumo al centro della prima serata medica dell'Avis di Cressa

Il prossimo appuntamento venerdì 28 ottobre

CRESSA - Prima serata di divulgazione medica, promossa dalla sezione di Cressa dell'Avis, ieri sera, al Museo del baco da Seta del comune del Novarese.

Relatore della serata è stato il professor Stefano Bellosta, dell’università di Milano, con l'intervento “Il fumo e la patologia cardiovascolare".

La grande esperienza del relatore, da anni ricercatore universitario sulle patologie cardiovascolari, ha permesso al pubblico di capire la fisiopatologia delle lesioni arteriosclerotiche e il loro evolversi. Bellosta ha, quindi, posto l’attenzione sulla mortalità dovuta alle patologie cardiovascolari, che, nei Paesi 'evoluti', sono la prima causa di morte. Nelle note di prevenzione oltre ai fattori “non modificabili” come l'ereditarietà, ci sono fattori “modificabili”: obesità e il fumo di sigaretta.

La somma di due o più fattori, ha dimostrato il professore, portano a un moltiplicarsi dei fattori di rischio. A questo punto della serata ci si è addentrati meglio nel meccanismo che danneggia le pareti dei grossi vasi provocati dal fumo di sigaretta: una profonda analisi ha dimostrato inequivocabilmente come il fumo di sigaretta provochi alterazioni nel lume vascolare con una precisione tale da indicare addirittura l’intervallo di tempo trascorso tra l’inalazione del fumo e l’inizio dal danno vascolare.

La serata è continuata con le risposte alle numerose domande che l’argomento ha sollevato e prima del consueto rinfresco finale il relatore ha concluso, dicendo che sarebbe meglio non iniziare a fumare, perchè il rischio cardiovascolare, per chi ha avuto la grande forza di volontà di smettere, non si azzera nemmeno dopo 20 anni.

Il secondo appuntamento delle serate mediche promosse dall'Avis di Cressa si terrà venerdi 28 ottobre con la relazione “L’artrosi questa (s)conosciuta”, tenuta dal dottor Savio Fornara.

Durante la serata di venerdì 21 ottobre, è stata consegnata una targa ricordo al professor Bellosta da parte del presidente della locale sezione Avis, Danilo Leonardi.

Monica Curino

Articolo di: sabato, 22 ottobre 2011, 2:37 p.
^ Top