Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 14 dicembre 2017
Articolo di: martedì, 03 aprile 2012, 10:25 m.

Il 14 aprile ricorre il centenario dell’affondamento del “Titanic”

A bordo anche il giovane borgomanerese Alfonso Perotti

BORGOMANERO - Tra pochi giorni ricorrerà il centenario dell'affondamento del “Titanic”, inabissatosi al largo di Terranova la notte tra il 14 e il 15 aprile 1912, durante il viaggio inaugurale verso l'America. Sarà anche il centenario della morte di Alfonso Perotti, borgomanerese, che si imbarcò sul "Titanic" come cameriere perdendovi la vita.

Perotti era nato a il 15 agosto 1891 a Borgomanero, da dove era partito, a vent'anni, con tante speranze, per l'Inghilterra. Aveva lasciato a casa la mamma Emilia Del Piombo, vedova del sarto Giuseppe, ed i due fratelli minori Giuseppe e Luigi. Si era, poi, imbarcato come cameriere il 10 aprile 1912 su quello che doveva essere il più grande e moderno transatlantico dell'epoca ed aveva scritto una cartolina alla mamma poco prima della partenza, comunicandole che sarebbe stato di ritorno alla fine del mese.

La cartolina, oggi, è ancora conservata da una delle nipoti, Emilia, che insieme alle cugine Renata e Carmen vorrebbe ricordare lo zio che così giovane emigrò con le speranze di trovare un po' di fortuna per poter aiutare la mamma rimasta sola con i fratelli più piccoli. Le nipoti sono cresciute con l'immagine di questo zio che non hanno mai potuto conoscere. Uno zio che sebbene non troverà mai posto nelle storie degli uomini più o meno famosi di Borgomanero, sarà sempre nel loro cuore.

Redazione online

 

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

Perotti_Alfonso.jpg

Articolo di: martedì, 03 aprile 2012, 10:25 m.
^ Top