Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 23 settembre 2011, 8:25 p.

Il campo boe agita le acque del lago d’Orta

Per lo sci nautico «no» da San Maurizio d’Opaglio

GOZZANO/SAN MAURIZIO D’OPAGLIO - Diverse le posizioni delle due Amministrazioni interessate dal progettato campo boe. Ha affermato il sindaco di Gozzano, Carla Biscuola: «È nostra intenzione regolamentare lo sci nautico sul lago d’Orta, in quanto in quel punto, sino ad ora, si è svolto tutti i giorni dal mattino al tramonto (senza limitazioni orarie), secondo un regolamento che non abbiamo scritto noi, ma che stiamo gestendo con il Demanio. Rispondendo alla richiesta di un’associazione abbiamo ritenuto di dare un’opportunità ulteriore di sviluppo al Lido, su cui il Comune ha investito molto in termini turistici e di possibilità di praticare sport anche da parte dei giovani. L’opportunità di effettuare lo sci nautico, è stata condivisa dal Demanio e dall’assemblea dei sindaci del Cusio presenti all’ultima assemblea ad Omegna in cui sono stati limitati orario di utilizzo e i giorni (è esclusa la domenica). Rispettate le distanze con il posizionamento, a 200 metri dalla riva, delle boe». Disponibilità del Comune per eventuali confronti e discussioni, ma il sindaco ha invitato a «supportare i pareri dal punto di vista tecnico».

Quindi ha aggiunto: «La politica dei sindaci del lago d’Orta non è quella di “rovinare” il nostro bene più prezioso che è il lago, ma valorizzarlo, tutelando e facendo conoscere il territorio, dopo aver ottenuto, per la posa del trampolino, il parere della commissione paesaggistica locale». Infine, sul Centro remiero: «È una scelta politica che va al di là di quello che pensa l’Associazione». Ferma anche la decisione di voler proteggere la fauna avicola e di consentire gli allenamenti in orari precisi.

Di parere opposto il vicesindaco di San Maurizio, Ubaldo Fraschini: «L’intera Amministrazione comunale è contraria all’istallazione di un campo boe fisso di sci nautico in località Pascolo (zona incontaminata e selvaggia con canneti e natura rimasti intatti) a causa delle onde che verrebbero prodotte e del rumore dei motoscafi. La spiaggia – ha continuato - è frequentata, il sabato e la domenica, da oltre mille persone rappresentando un esempio di turismo popolare che si vorrebbe soppiantare con un turismo d’élite, cui noi ci opporremo facendo quanto ci sarà possibile nel rispetto della normativa vigente. La nostra opposizione – ha detto Fraschini – è stata espressa in una delibera della Convenzione dei sindaci del Lago d’Orta riunitasi a Pella poco prima delle ferie, mentre non eravamo presenti alla riunione di Omegna che doveva essere interlocutoria».

La contrarietà, che Fraschini ribadisce essere «espressione unanime dell’Amministrazione» (e non esclusivamente personale), riguarda specificamente una realizzazione che, secondo gli amministratori sanmauriziesi, andrà ad interferire con un area di interesse situata sulla sponda occidentale del lago, mentre non si evidenzierebbe la stessa difficoltà se il campo fosse situato in altro punto del lago.

Maria Antonietta Trupia

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: venerdì, 23 settembre 2011, 8:25 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top