Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 16 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 19 settembre 2011, 3:00 p.

Il Club 61 Frecce tricolori di Borgomanero in visita al Cern

I soci hanno incontrato i ricercatori e conosciuto l’attività dell’importante centro di ricerca

BORGOMANERO – Alcuni soci del Club 61 Frecce Tricolori di Borgomanero, nel Novarese, hanno partecipato a un’emozionante visita alla struttura del Cern di Ginevra, evento fortemente da tempo voluto da Maria Teresa Bertinotti, presidente del Club Borgomanerese e dal suo direttivo.

La visita è cominciata con un interessante incontro con i ricercatori della Fondazione Tera, durante il quale i giovani fisici coordinati dal prof. Ugo Amaldi, uno dei più prestigiosi fisici italiani, figlio di uno dei fondatori del Cern, lavorano da tempo a progetti di adroterapia per le cure oncologiche, uno dei quali, il Cnao, proprio a Pavia, in questi giorni, ha iniziato i trattamenti sui pazienti, previsti in oltre 3000 l'anno.

Grande emozione quando il gruppo dei ricercatori, tra i quali i novaresi Chiara Pasquino, Rossana Bonomi, Marco Garlaschè, Claudio Mellace e il casalese Alberto De Giovanni, coordinati dall'assistente del prof. Amaldi, Maria Di Rosa, hanno introdotto il nuovo progetto al quale Tera sta lavorando, la realizzazione di un nuovo centro per l’adroterapia oncologica pediatrica.

La visita è, quindi, proseguita, dopo il pranzo in uno dei ristoranti del Cern, fianco a fianco con i ricercatori internazionali, con la visita all'acceleratore Lhc e alla sala controllo del rilevatore Atlas, uno dei progetti coordinati dalla scienza e realizzati dall'industria italiana.

Nel corso della visita i tre accompagnatori, il prof. Valerio Grassi, il prof. Francesco Marchi e il prof. Antonio Bartalesi sono riusciti davvero a far comprendere in modo chiaro problematiche, teorie e tecnologie che costituiscono il "quotidiano" del Cern.

Ciliegina sulla torta della visita, l'aver riconosciuto e salutato, all'uscita della sala controllo, l'ex segretario generale dell'Onu, il ghanese Kofi Annan, anch'egli in visita a questo tempio mondiale della fisica, proprio come i borgomaneresi del Club 61 Frecce Tricolori.

Monica Curino

Articolo di: lunedì, 19 settembre 2011, 3:00 p.
^ Top