Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 27 agosto 2012, 8:42 p.

Il Comune di Borgomanero vuole chiedere lo stato di calamità naturale

Ancora parziale la conta dei danni. Alcune zone del Parco della Resistenza restano chiuse

BORGOMANERO – Il Comune di Borgomanero è intenzionato a chiedere tramite il Prefetto di Novara lo stato di calamità naturale a seguito della tromba d’aria che sabato sera ha sconvolto la città causando danni per alcune centinaia di migliaia di euro. Una decisione in tal senso verrà presa nei prossimi giorni dalla Giunta Municipale che si riunirà solo ed esclusivamente per fare il punto della situazione che, grazie anche alle favorevoli condizioni climatiche sta lentamente tornando alla normalità. “Diversi borgomaneresi che sono rientrati domenica dalle vacanze – dice il vice Sindaco Sergio Bossi – hanno trovato la loro casa danneggiata . E’ estremamente difficile quantificare tutti danni anche perché ogni momento veniamo a conoscenza di quello che ha provocato la tromba d’aria.” In un vecchio condominio in viale Kennedy il tetto in eternit è stato scoperchiato e numerosi pannelli contenenti amianto sono finiti in strada dopo un volo di oltre venti metri. Per procedere alla pulizia della carreggiata e alla rimozione dei detriti è stato chiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco, dell’Asl e dell’Arpa. La circolazione stradale è rimasta bloccata domenica mattina per alcune ore. Vigili del Fuoco assieme ai volontari della Protezione Civile e agli operai del Cantiere comunale hanno inoltre provveduto a ripulire alcuni punti dell’alveo del Torrente Agogna dove erano cadute alcune piante di grosse dimensioni, abbattute dai fulmini e dalla disastrosa forza del vento. “Siamo stati costretti – prosegue Bossi – a chiudere alcune aree del Parco della Resistenza dove alcuni alberi sono stati letteralmente sradicati mentre per altri sarà necessario effettuare una verifica e decidere se procedere o meno al loro abbattimento per ragioni di sicurezza”. La tromba d’aria ha colpito in modo particolare le frazioni di Santa Croce, Santo Stefano, Vergano e San Marco. Fortunatamente non sono stati segnalati danni alle persone. La giornata di oggi, lunedì è stata dedicata da tante famiglie borgomaneresi ad iniziare a riparare i danni provocati dal nubifragio.


Carlo Panizza

Articolo di: lunedì, 27 agosto 2012, 8:42 p.
^ Top