Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 24 luglio 2017
Articolo di: lunedì, 19 novembre 2012, 9:56 m.

Il lato buono dell'hip hop è targato Ghemme e Carpignano Sesia

I Mondo Pazzo si stanno facendo notare sulla scena rap con messaggi sociali ed educativi

GHEMME/CARPIGNANO SESIA - Cantano per esprimere il disagio di una generazione ma non si fermano alla mera denuncia: loro, i ragazzi di “Mondo pazzo”, usano l’hip hop per infondere coraggio, forza e speranza. Di “Mondo pazzo” fanno parte alcuni giovani di Ghemme e Carpignano Sesia, tra cui Luciano Roselli, Fabiano Fiori, Andrea Amarante, Cinzia Zaninetti, Mattia Giordano, Antonio Cutrona e Andrea Lucca. Giovani di diversa età (Fiori ha 19 anni e Roselli 32, ad esempio) accumunati dalla passione per la musica. I “Mondo pazzo” sono nati l’anno scorso ma sono costantemente alla ricerca di nuove collaborazioni e pronti ad inserire nel progetto chi ha voglia d’ideare artisticamente e dimostra sensibilità verso le tematiche che trattano. Che sono davvero molte: musica, società, politica, attualità sono solo alcune. Tutti argomenti che affrontano ogni martedì sera, dalle 21.30, durante la trasmissione che conducono alla web radio “Life radio”, con sede nella biblioteca civica ghemmese. Roselli, Fiori, Amarante, Zaninetti e Giordano hanno avuto la possibilità di farsi conoscere anche su Radio Mondo e sul sito web “La casa del rap.com”. Lo hanno fatto tramite un brano inedito, di loro creazione, dalle tonalità hip hop. La particolarità è che il testo della canzone reca un messaggio sociale ed educativo positivo, sottolineato dal titolo “Il lato soleggiato della strada”. «Stiamo cercando di cambiare l’ottica del rap / hip hop , dove gli artisti parlano solo di rabbia e violenza - illustra Fiori - Noi vogliamo parlare ai giovani ed ai bambini». Roselli continua: «Ci sono cose che, quando cresceranno, vedranno con i loro occhi: è la realtà della vita, noi gliela facciamo vedere un po’ in anticipo, per prepararli e dirgli di non sbagliare inutilmente, con droga o violenza, e di stare sempre su lato soleggiato della strada». Nel brano ognuno dei 5 giovani esprime la propria visione della società attuale, affrontando delle problematiche: «Effe (nome d’arte di Fiori), che è il più giovane, è anche il più “arrabbiato” e tocca il tema della politica - descrive Roselli - Amaz (Amarante) parla della droga e di cosa provano i giovani in questo momento, io invece affronto il discorso sulla famiglia e il punto di vista dei genitori, che non possono più dare un futuro certo ai loro figli». Roselli nel testo si rivolge direttamente ai bambini. Anche nel video, che accompagna la canzone, appaiono dei bimbi; una di loro è la figlia di Roselli. La canzone è scaricabile gratuitamente in internet; può essere ascoltata pure su Youtube, dove, in 15 giorni, ha ricevuto 2mila e 800 ascolti.

Sabrina Marrano

Articolo di: lunedì, 19 novembre 2012, 9:56 m.
youkata
^ Top