Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 20 gennaio 2018
Articolo di: giovedì, 23 giugno 2011, 12:00 m.

Imbrattata la chiesa della Ss. Trinità di Borgomanero

Solo pochi mesi fa era stata oggetto di ingenti restauri

BORGOMANERO «Speriamo che ora nessuno si diverta ad imbrattarla» ci aveva detto facendo gli scongiuri Carmelo Tinivella, il fabbriciere –factotum della Chiesa della Ss. Trinità di corso Garibaldi a conclusione dei lavori di restauro dell’antico oratorio foraneo. Non sono passati neppure sei mesi e qualche giorno fa la parete laterale della chiesa, quella che si affaccia su via Ss. Trinità è stata presa di mira dai soliti ignoti. Che proprio ignoti questa volta però non lo sono in quanto l’autore della bravata è quasi certamente un adolescente che anziché inviare un “sms” ha preferito utilizzare la vernice spray per dichiarare tutto il suo amore per “Kikka”. E per non essere confuso con altri potenziali pretendenti il grafomane innamorato ha lasciato sul muro la sua firma, o meglio una sigla “Ricc3” che è ora al vaglio dei Carabinieri a cui è stata presentata una denuncia contro ignoti. All’esame degli inquirenti ci sarebbero anche i filmati di alcune telecamere presenti nella zona e che potrebbero avere ripreso l’arrivo o la fuga dell’imbrattatore. «Per il restauro della Chiesa – dice sconsolato Tinivella – nell’autunno dello scorso anno avevamo speso più di ventimila euro. Ora a distanza di pochi mesi dobbiamo spendere altri soldi per ripulire e riverniciare la parete».

L’episodio purtroppo è solo l’ultimo di una serie di azioni vandaliche che sono state messe recentemente a segno nelle vie interne del centro storico. Per contrastare il triste fenomeno c’è chi vorrebbe un numero più elevato di telecamere di videosorveglianza in aggiunta a quelle installate qualche mese fa all’interno di parchi pubblici e cimiteri e in prossimità di altri obiettivi sensibili come scuole, pubblici edifici e parcheggi sotterranei.

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

 

Articolo di: giovedì, 23 giugno 2011, 8:48 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top