Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: domenica, 30 gennaio 2011, 12:00 m.

In azione sterminatore di gatti

Appello preoccupato dell’associazione “Amici 4 zampe”

Borgomanero - Nelle strade di Borgomanero si aggira un misterioso killer che stermina i gatti avvelenandoli? Lo sospetta l’architetto Enrico Brandoni, presidente di “Amici4zampe” con sede in via Brunelli Maioni 3. Un’associazione onlus che da due anni gestisce il gattile comunale e ha tra le finalità statutarie quella di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema del randagismo dei gatti, sostenere le colonie feline fornendo loro il sostentamento necessario direttamente in loco e  favorire le adozioni anche a distanza di cani e gatti. «Con circa sessanta volontari – spiega Brandoni – siamo presenti non solo a Borgomanero ma anche nei comuni limitrofi. Siamo impegnati a costituire delle colonie feline che vengono seguite per quanto riguarda l’aspetto sanitario dal servizio veterinario dell’Asl. Noi provvediamo a fornire ai gatti il cibo quotidiano e ad essere loro vicini anche sotto l’aspetto affettivo. Purtroppo la presenza di questi animali viene talvolta osteggiata da persone che non vedono di buon occhio i gatti nelle vicinanze delle loro abitazioni. Recentemente – prosegue Brandoni – in una colonia in viale Marconi nella periferia sud della città abbiamo assistito a una misteriosa morìa di felini. Almeno quindici gatti nelle ultime settimane sono stati trovati morti». Decessi al momento assolutamente avvolti dal mistero. Dall’esame esterno i corpi dei poveri animali non presenterebbero segni di violenza. Nessuna ferita ne tanto meno lesioni provocate da oggetti contundenti. I gatti potrebbero quindi essere stati avvelenati. Ma da chi e da che cosa? «Si fanno strada – dice Brandoni – due inquietanti ipotesi. La prima è quella che i terreni della zona  siano stati interessati da sversamenti di sostanze altamente tossiche. La seconda ipotesi, quella che ci spaventa maggiormente è che nella zona vi possa essere qualcuno intenzionato a sterminare i gatti con un potente veleno. Sono in corso accertamenti sui resti degli animali per verificare con certezza le cause della morte. Se qualcuno ha visto o ha notato qualcosa di strano avverta le Forze dell’ordine oppure  ce lo comunichi subito telefonandoci al numero 328-8521708 oppure invii una e-mail all’indirizzo di posta elettronica amiciborgo@libero.it. L’associazione, che è sempre alla ricerca di nuovi volontari disposti a prendersi cura delle colonie feline e a sorvegliare che nessuno faccia del male ai gatti, ha anche istituito  un sito internet www.amici4zampe.it. Per difendere i felini Brandoni lancia anche un accorato appello agli amministratori locali: «Da parte loro - dice – gradiremmo una maggiore sensibilità al problema così da favorire una convivenza pacifica tra i cittadini e i gatti». Nelle foto, di Panizza, l’architetto Enrico Brandoni e una recente immagine esterna del “gattile comunale”. Qui spesso vengono rinvenuti gatti feriti e malnutriti. L’associazione si prende cura di loro.

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: sabato, 29 gennaio 2011, 4:03 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top