Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 23 gennaio 2018
Articolo di: mercoledì, 14 marzo 2012, 7:51 p.

Incontro per dire "No al femminicidio" giovedì 15 marzo a Borgomanero

L'appuntamento all'Opera Pia Curti dalle 15

BORGOMANERO - Altro appuntamento per le iniziative radunate sotto il titolo "No al femminicidio", eventi promossi da Liberazione e Speranza onlus insieme a molte altre associazioni e realtà del Novarese.

Il prossimo incontro è in programma a Borgomanero giovedì 15 marzo, dalle 15 alle 18, all'Opera Pia Curti di via Monsignor Cavigioli 20.

Nel dibattito sul tema della violenza di genere interverranno il dottor Valloggia, presidente del Ciss Borgomanero, Andrea Lebra, presidente di Liberazione e Speranza onlus Novara, Raffaella Fusco, ispettore capo della Polizia di Stato alla Questura di Novara e Chiara Settembri, operatrice dello Sportello Pari opportunità del Ciss Borgomanero. Saranno proiettati alcuni video per riflettere sull'argomento.

"Negli ultimi mesi, infatti - spiegano i promotori - si sono verificati tra Novara e il Novarese episodi inquietanti nei confronti di cinque donne: due sicuramente assasinate e tre la cui morte, a distanza di mesi, non è ancora stata spiegata. Molte altre donne continuano a essere vittime di maltrattamenti fisici e psicologici e molti bambini assistono alla violenza con conseguenze che incidono nel loro percorso di crescita. Vorremmo proseguire nel percorso di sensibilizzazione su questa problematica, affinché si diffonda una cultura del rispetto, che consenta di prevenire esiti drammatici e escalation di comportamenti violenti, ricordando che 'il femminicidio non è solo la violenza fisica contro la donna che arriva sino allo stupro o all'omicidio, ma è tutto quello che la svilisce e la offende, che la sminuisce come persona, che attenta alla sua integrità psico-fisica, alla sua libertà e alla sua dignità".

Monica Curino

Articolo di: mercoledì, 14 marzo 2012, 7:51 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top