Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
Articolo di: sabato, 26 febbraio 2011, 10:53 m.

Kimberly-Clark: la passione per l eccellenza

Nello stabilimento di Romagnano Sesia: sicurezza, tutela dell’ambiente, Qualità

ROMAGNANO SESIA - Kimberly Clark Romagnano ha ottenuto la certificazione ISO 14001 nel dicembre 2010, facendo leva sul sistema di gestione Corporate in ambito ambientale già in essere in stabilimento. La ISO 14001 è l’ultima di una serie di certificazioni che l’azienda ha ottenuto negli anni. La prima è stata la certificazione in ambito Qualità ISO 9002 nel 1995, con i suoi successivi aggiornamenti. Attualmente lo stabilimento ha la certificazione ISO 9001:2008. Nel 2004 lo stabilimento ha ottenuto un’altra certificazione di prodotto, la BRC (British Retailer Council) per i marchi privati. Nel 2007 è arrivata la certificazione FSC (Forest Stewardship Council) relativa alla catena di custodia della principale materia prima, cioè la cellulosa, in linea con la strategia Corporate di utilizzo responsabile delle cellulose, che è stata accolta positivamente anche da Greenpeace.Nel 2007 lo stabilimento ha ottenuto l’OHSAS 18001 in ambito sicurezza, a riconferma della forza del sistema di gestione Corporate in questo caso in ambito di Sicurezza.

«Questi sistemi - spiega Raffaella De Medici direttore dello stabilimento di Romagnano Sesia - sono tanto più efficaci quanto più portano buoni risultati. In ambito di sicurezza, l’indice di successo è quello di avere un luogo di lavoro sicuro per le nostre persone. In termini di qualità, la migliore misura è la soddisfazione dei nostri clienti e consumatori, che riconoscono i prodotti K-C per il loro valore qualitativo». Particolare attenzione viene posta alla tutela  ambientale.

«A conferma dell’utilizzo responsabile delle risorse - continua l’ingegner  De Medici - il consumo di acqua è diminuito del 20% nel corso degli ultimi 3 anni e l’efficienza energetica è aumentata del 10%. Attraverso l’analisi del processo e la definizione di piani di riduzione, anche la produzione di rifiuti è diminuita del 15%. Inoltre, grazie alla raccolta differenziata, lo stabilimento è in grado di supportare in maniera efficace il riciclo dei materiali».

«La filosofia di Kimberly-Clark si fonda sul concetto di “miglioramento continuo”, che, attraverso l’implementazione della   Lean  production, sta rendendo i processi produttivi sempre più efficienti. Tutto questo è possibile soltanto attraverso l’impegno di una forza lavoro motivata, che contribuisce attivamente al raggiungimento degli obiettivi ed al successo dell’azienda, ricordando sempre il motto dello stabilimento di Romagnano, ovvero: ‘La passione per l’eccellenza!’».

 

La scheda

Lo stabilimento Kimberly-Clark di Romagnano Sesia, situato in provincia di Novara, è uno dei due siti produttivi italiani di Kimberly-Clark ed uno dei più importanti in Europa per la produzione di carta Tissue. Il sito di Romagnano, fondato nel 1973, impiega circa 300 persone e produce carta Tissue per i marchi Scottex® e Kleenex®. Quello italiano è considerato un mercato strategico per Kimberly-Clark, che vi ha realizzato investimenti finalizzati a rafforzare la posizione dell’azienda. Nel 2001, Kimberly-Clark ha realizzato un importante investimento per installare un impianto produttivo con una tecnologia esclusiva di proprietà Kimberly-Clark, basata sul processo Through Air Dried,  utilizzata per la produzione della nuova carta igienica a marchio Scottex®. Questa tecnologia innovativa ha consentito a questo prodotto di incrementare significativamente il livello di consistenza e morbidezza. Kimberly-Clark è presente sul mercato italiano anche con i marchi Kleenex® (fazzoletti), Scottonelle® (carta igienica) e Huggies® (pannolini), oltre al marchio Scottex®, noto per la carta igienica, reclamizzata dal cucciolo di Labrador, carta da cucina, tovaglioli e fazzoletti.

 

Mariateresa Ugazio

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: sabato, 26 febbraio 2011, 10:53 m.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top